Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Ottobre, 2018

Nel 2018 ho funzionato

Il 2018 è stato un anno intenso, difficile e bello tutto allo stesso tempo, così tanto che ora che siamo a ottobre potrei praticamente già chiudere il libro dell’anno per overload di cose da raccontare.

Non è stato sempre tutto bello, e quasi mai è stato facile, e però sono successe cose e sono andata avanti. Se penso che solo pochi anni fa vivevo a BucoDelCulo, le bambine erano piccole e bisognose di costante cura, e tutto sembrava essere fisso nel per sempre, persino i libri sul comodino avevano un bassissimo turn over, è quasi come se parlassimo di un'altra vita, un'altra persona.



Adesso invece, le cose si muovono, le muovo, con tutti i sacrifici e le rinunce del caso. Se mi guardassi da fuori non mi riterrei una persona di successo o invidiabile, e se mi vedesse la bambina cresciuta nelle promesse degli anni '80 e nel mito dell'American Dream che passava la tv, mi stupirei di quanto ogni piccola minuscola soddisfazione costi tanto, ma forse è solo che è cambiato il…

Il cervello di un adolescente

I professori delle mie figlie, praticamente li adoro tutti, anche quello che l’anno scorso insegnava geografia a una delle tre e non sapevo come si chiamasse e di quale figlia fosse l’insegnante, così mi sono presentata al colloquio generale con il cognome delle ragazze, ho intuito che neanche lui sapeva chi fosse mia figlia, e ho passato i primi 10 minuti buoni di colloquio a chiedermi se non avevo per caso sbagliato fila.
Dicevo, dev’essere una prerogativa dei prof delle medie, essere più educatori che professoroni: la mia esperienza alle medie, vent’anni fa, è stata la medesima.
Ora per esempio qualcuno sta avviando un dialogo orientativo con i ragazzi in vista dell'iscrizione alla scuola superiore (ma come può uno scricciolino di 1,800 kg in incubatrice iscriversi al liceo? penso a volte di Lucia).


Ieri una delle bimbe mi ha chiesto di compilare un modulo.
C’era questa lunga lista di aggettivi e io dovevo dire quanto la riconoscevo in una determinata caratteristica, poi lei av…