Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Gennaio, 2018

Qualcosa scrivo

Ultimamente non riesco a scrivere qui, e dire che di cose da dire ne avrei. E dire che in questi anni ho collezionato quasi 200 post in bozza, con cose che pensavo, ho scritto, ma poi non ho mai pubblicato.
Credo sia colpa di Facebook.


Quando l'ho scoperto, mi pare attorno al 2008 o 2009 mi faceva schifo. Mi insospettiva questa storia che prima il web era il regno dei nickname, delle seconde vite, dei troll e dei fake, e poi improvvisamente tutti usavano il loro nome, la loro faccia, e dicevano chi erano i loro parenti, i loro amici, mariti e fidanzati. Sulle prime mi chiedevo se sarebbe diventato il database del controllo (e in effetti non è che io e tutti quelli che lo pensavano ci siamo poi così sbagliati), poi un giorno, prima che su Facebook arrivasse la pubblicità, e qui un po' mi vanto, ho capito che i dati servivano a fare di noi dei target. Ma a dire il vero su Facebook ci stavo poco semplicemente perché mi annoiavo. Voglio dire, sticazzi della foto del cane del mio c…

Buon 2018

Sono le undici e Rimini dorme ancora, è normale, è il primo dell’anno.
Sono andata a letto che il 2018 non era iniziato poi da molto, mi sono addormentata tra i petardi, la musica e i fuochi d’artificio. Ci ho fatto l’abitudine. Solo due anni fa vivevo dove la notte c’era un silenzio completo, si facevano i fuochi d’artificio una volta l’anno, per la festa parrocchiale, e quella volta l’anno mi svegliavo di soprassalto come se fossimo in guerra.
Sono sempre andata a letto molto presto: quando ho sonno divento scontrosa, non vale la pena imporre la mia presenza.
Dove abitavo due anni fa, c’era anche un buio completo, di notte: vedevi tutte le stelle, e anche le lucciole. Tutto sommato, mi sono abituata in fretta anche a questo, alle luci dei lampioni di notte.
Ci si abitua in fretta nella vita, io poi, mi ero abituata a vivere a Buco del culo, pur con un’indole cittadina, forse addirittura metropolitana, ma non lo so ancora, non ho mai vissuto in una metropoli.


Di ultimi dell’anno incr…