Passa ai contenuti principali

Un senso c'è

Lucia ha scaricato una canzone di Elisa che credo si chiami Eppure sentire, e questa mattina la canticchiava.
Ho pensato a dieci anni fa, a quando mettevo su questo cd ogni sera, quando era ora di far dormire Carolina.

Ho pensato che ero sempre sola, quell’estate che la cullavo, e vivevamo al piano terra e avevamo le sbarre alle finestre e tra le sbarre si vedevano solo palazzi.
Ho pensato che forse il ricordo di essere stata sola può non essere veritiero; che forse lui era con Camilla e Lucia, oppure forse non ero sempre io, ogni sera, a cullare Carolina.
Quindi non so quanto fossi sola, però so di per certo che quella primavera avevo ventiquattro anni, tre bambine piccole, una casa con le sbarre alle finestre; Carolina non dormiva mai, e mi sentivo molto sola, forse mi sentivo la persona più sola sulla faccia della terra, forse addirittura la persona più sola dell’intero sistema solare.
E ascoltavo “Eppure sentire nei fiori tra l'asfalto, nei cieli di cobalto - c'è. Eppure sentire nei sogni in fondo a un pianto nei giorni di silenzio - c'è...un senso di te”.
E stamattina, sentendo canticchiare Lucia, ho pensato che non era affatto vero, che allora stavo sbagliando tutto, e mi è arrivato improvvisamente chiaro il senso di quella che dieci anni fa sembrava una follia in cui mi ero cacciata e da cui non riuscivo e non potevo uscire.

Camilla, Lucia e carolina non avevano senso: erano il senso.

Commenti

  1. Tutto vero.
    Vero soprattutto che quando ci sei immersa dentro in quel senso non lo vedi per niente e ti sembra di affogare...

    RispondiElimina
  2. Che belle parole hai scritto. Anche io mi sono sentita tanto sola con le bimbe piccole. Poi passa, basterebbe qualcuno a ricordarlo, ogni tanto, che passa.
    Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo che essere genitori sia una cosa talmente grande che sentirsi soli è un attimo. Poi passa :)

      Elimina
  3. Che belle :)

    (Però il pensiero di avere 3 pannolinate mi inquieta parecchio!)

    RispondiElimina
  4. oddio che tenere queste sorelline che pisolano insieme.
    grande ricchezza.

    RispondiElimina
  5. Non commento quasi mai. Ma questa volta mi hai smosso dentro tante cose. Sei una persona speciale. E una mamma da cui imparare tanto. Credo che voi siate molto fortunate ad avervi. Elisheba

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Penso anche io. Poi quando mi abbandoneranno all'ospizio semmai ne riparliamo :)

      Elimina
  6. Molto bello leggerti, da mamma di un piccolo che non dorme mai. Quando questa fase passerà spero di avere anch'io questo ricordo come te.

    RispondiElimina
  7. Sono meravigliose quelle tre che dormono insieme, ma non riesco a non pensare a quanta fatica devi aver fatto. Quanta. E pero' adesso guarda dove siete. Brava Vale.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Devo dire la verità: tre preadolescenti non sono una boccata d'aria. Quello che ti salva rispetto ad avere tre neonate è che quando non ne puoi più puoi uscire a prendere una boccata d'aria, o puoi sperare che sabato siano tutte e tre dalle amiche (ma è più probabile che siano tutte a casa mia con le amiche).

      Elimina

Posta un commento

attenzione: i commenti ai post più vecchi di 14 gg vengono moderati! A causa del troppo spam ho disattivato le notifiche via email per i commenti in attesa...ma prima o poi li modero.