Privacy Policy VOLEVO FARE LA ROCKSTAR: Ho comprato 45 quaderni

sabato 14 settembre 2013

Ho comprato 45 quaderni

Cari tutti,
settembre mi trovò scoglionata. Vabbè, non sto a raccontarvi.
Sappiate solo che ieri sono stata a comprare parte del materiale scolastico che serve alle bimbe lunedì (sì, dopodomani).
Qualcosa come quarantacinque quaderni complessivi, diciassette colle, alcune decine di copertine di tutti i colori, e non faccio per dire. Mi hanno chiesto due dizionari Devoto Oli, per le gemelle. Eccerto, ti pare che due persone utilizzino lo stesso dizionario?
Io quando faccio queste sessioni mi sento eroica. Giuro. Primo perché veramente quest'esosità ha qualcosa di inverosimile. Cioè, dài ragazzi, parliamone. Che poi mica ce l'ho con le maestre. Lo so purine che fanno quel che fanno (anche) perché sono schiacciate tra bambini rompipalle, genitori cagacazzo all'ennesima potenza, mancanza di fondi, disposizioni calate dall'alto e normative elaborate da soggetti ingiustamente strappati alla tv e ai campi. Vabbè, inutile stare qui a sparare su quella croce rossa che è la scuola italiana.
Dicevo, io in questi momenti mi sento eroica.
Una donna velata, vedendomi con il carrello pieno e l'aria a dir poco spenta, s'è avvicinata e mi ha consigliato i quaderni in pacchi da dieci, che costavano meno di quelli che avevo scelto. Per accaparrarmi l'ultimo pacco le ho dovute dare di santa ragione a una vecchia zoppa (temo che serva specificare che sto scherzando).
Poi mi sono sentita anche molto anarchica perché c'era scritto matita H3 e B2 e vattelapesca (mi sento tanto il giovane Holden, quando dico vattelapesca) e invece io le ho comprate tutte uguali, come capitava, e ho pensato "vediamo se imparano a scrivere lo stesso".
Poi mi sento eroica quando compro un quaderno carino ogni quindici e penso alle mie figlie orgogliose di avere un solo quaderno carino, e penso che loro sono molto in gamba e siamo una bella squadra e siamo anche fortunate a vivere in un posto come BucoDelCulo e a non avere la televisione.
Poi infine mi sento eroica perché quando è ora di tirare fuori la carta di credito, mi guardo attorno, e toh, sono sola.
E adesso che inizia la scuola sarà una via crucis di buoni pasto che finiscono, pulmini da pagare, palestre e bollettini.

L'estetista mi dice che devo fare la ceretta più spesso, se non voglio sentir male. Poi le mie amiche dicono che non mi faccio mai sentire. E i vigili mi dicono che è ovvio che mi raddoppiano le multe, se non vado in posta a ritirare le raccomandate. Le maestre mi dicono che non chiedo mai le tabelline alle bambine, e sono le uniche, in classe, a non saperle (che io sappia l'hanno detto anche ad altre tre mamme, comunque). E mia mamma mi dice che non pulisco casa. Mio fratello dice che non vado mai a Ravenna a trovarlo e il mio ex dice che per tenere in ordine la mia zoppicante contabilità domestica dovrei mettermi con un ragioniere. Uno disperato, dice lui.

Io invece mi chiedo come straminchia fanno a volar via le giornate, i mesi, e gli stipendi.

"Vale, dove sei?"
"In fila alla cassa, ho comprato il materiale scolastico"
"Dài, uffa, quanto ci metti?"
"Un'ora, esattamente il tempo che ti avevo detto"
"Io e le bimbe siamo al cinese col rullo, noi iniziamo a mangiare eh"




40 commenti:

  1. Massima stima, noi gemelle abbiamo sempre avuto un dizionario in 2 e comunque è uno schifo sta esosità e le maestre che scrivono scoc, che nervoso mi viene!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma io in realtà non ce l'ho con le maestre. Però io insegno alle bimbe ad essere loro stesse e la scuola insegna ad assere tutti uguali, e io insegno a ingegnarsi con quello che si ha, e ho l'impressione che la scuola insegni indirettamente che gli oggetti facilitano l'apprendimento.

      Elimina
    2. che grave errore quello di insegnare che siamo tutti uguali.
      Poi da grandi si creano dei disadattati
      Anche tra morti di fame, mica siamo tutti uguali, ci sono quelli furbi che ti passano sempre avanti in qualsiasi situazione.
      Neanche su un'isola deserta saremmo tutti uguali, che i più muscolosi si mangerebbero gli altri

      Elimina
  2. Posso sopportare tutto, ms proprio tutto il resto. Ma non il comic sans

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, è uno dei drammi della scuola italiana.

      Elimina
  3. Odissea. Io ho girato tutti i negozi Libraccio di Milano per i libri a mio fratello. E me ne mancano ancora 5. E la scuola è iniziata l'altro ieri.
    Vabbè.
    Per non parlare del materiale per l'altro mio fratello.
    12 pacchi di fogli protocollo (ma quante verifiche dovrà mai fare?)
    20 matite, 40 penne, pennarelli a punta grossa (che in 4 anni di scuola gli ho mai visto usare) e un'altra vagonata di cose che boh. Tipo la carta igienica. Mah.
    Baci

    RispondiElimina
  4. ...però che figata [per loro] essere gemelle...
    e che sfiga [per te]

    RispondiElimina
  5. Ma qurantacinque quaderni è impossibile! Okay, sono quindici a testa, ma è troppo anche quindici a testa!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma il fatto è che li usano tutti eh. Mica voglio dire che sono troppi. Semplicemente lasciamo scegliere se acquistarli anticipatamente oppure se portarli al bisogno.

      Elimina
  6. sottovaluti i tuoi lettori.. un minimo di senso dell'umorismo ce l'abbiamo! A parte questo.. si sei abbastanza wonderwoman.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. (fidati, delle volte i disclaimer sono necessari)

      Elimina
  7. massima stima, spalle grossissime.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. più mi si allargano le spalle più, purtroppo, divento stronza.

      Elimina
  8. Buon anno scolastico! Che tenerezza un solo quaderno bello e per il resto pacchi economici!! É sempre quello che facevo coi miei figli alle elementari.....era una festa decidere per quale materia usarlo!! Anche i miei erano orgogliosi e mi sembrano due personaggi cresciuti senza troppi traumi da corredo scolastico non firmato. In bocca al lupo, per la scuola e per altro!

    RispondiElimina
  9. credo che i rete si possa risparmiare molto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, lo so, però come al solito mi sono ridotta all'ultimo giorno...

      Elimina
  10. solidarietà. Il mio nano è ancora alla scuola materna, ma ora come in altri casi, ti leggo e rifletto. Poi magari mi tornerà in mente il tuo post l'anno prossimo quando dovrò fare gli acquisti per la prima elementare :)

    RispondiElimina
  11. "colla a stich" e "scoc" son interessanti.... spero lo abbia scritto il maestro di matematica

    RispondiElimina
  12. Guarda, noi per ora siamo all'ultimo anno di nido (privato) e non ci chiedono altro che pannolini e calze antiscivolo, per fortuna.
    Per la materna abbiamo già il pensiero, invece. Se andrà a quella comunale, ogni mese ci sarà l'obolo di cartaigienica-materialididattici-salviettine-fazzoletti; se andrà ad una privata, all'inizio dell'anno ci chiederanno di presentarci con tutto quello che potrà servire durante l'anno (qualcosa tipo il tuo elenco, tranne i quaderni).. tutto in una botta, quindi. Aiuto.
    Buon inizio scuola a te e alle brulle!

    unsecondoederoincinta.blogspot.it

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nu, vedrai che alla materna è meglio, don't worry.

      Elimina
  13. Buon inizio, stich (mi viene male solo a scriverlo) compresi!

    RispondiElimina
  14. te sei eroica davvero... e comunque anch'io sono orgogliosa d'aver comprato un pacco di anonimissimi quadernoni della coop e solo solo un quadernone di quella gran zoccola di Violetta!
    Buon anno scolastico alle tue bimbe ( e le tabelline in quarta elementare non le sa neanche mi figlia, ma fortunatamente sembra che per la sua maestra la cosa non sia degna di nota)
    Anto
    www.sweet-occasions.it

    RispondiElimina
    Risposte
    1. qui a BucoDelCulo Violetta non è ancora arrivata, fiù

      Elimina
  15. E' possibile, umanamente, sostenere tutto ciò? Con tre Bambine?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. credo proprio che mi tocchi, non vedo alternative.

      Elimina
  16. Ciò che hai scritto mi ha fatto sorridere ed allo stesso tempo deprimere, la risata e per la tua ironia ed il tuo stile sempre simpatico, la depressione è per l'esagerazione, come il doppio dizionario ed il quantitativo di tutto il materiale scolastico!!! Io ho la più grande in prima media e dopo la spesa dei libri di quest'anno le ho detto di scirvere tutto a matita che alla fine dell'anno li rivendiamo e ne compriamo di usati anche noi!!! Le altre due sono alla materna ed al nido ma quando sarà il loro turno spero di essere più agguerrita e preparata!!! Un abbraccio

    RispondiElimina
  17. Speriamo che le maestre, oltre a scrivere scoc abbiamo problemi a leggere il tuo blog, purine :)

    RispondiElimina
  18. Io pero' non sopporto questa cosa del sempre assente. Che mi viene in mente qualcuno che conosco. Mi piacerebbe poter invitare a mangiare te e le bimbe qualche volta. che non c'entra una fava ma lo volevo dire.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, se capiti in Italia ti invitiamo noi.

      Elimina
  19. Non so come mi sono trovata nel tuo blog, ma non ti ho più mollata...ti leggo da tanto e non commento mai...però stavolta mi scappa proprio:
    e se SCOC e COLLA A STICH l'avesse scritto la maestra di inglese? :-)
    Comunque, se ti può consolare, io ho solo 2 gemelli (maschi)di 7 anni e avrò comprato una sessantina di quaderni, tra quadretti e righe, più un miliardo di matite, gomme (ma le mangiano, per caso???), temperini col serbatoio (da noi li vogliono così), e non so quante scatole di matite colorate che poi si consumano sempre gli stessi colori e ti tocca ricomprarle!
    Buon inizio di anno scolastico a tutti!!!! :-)

    RispondiElimina
  20. Non so come mi sono trovata nel tuo blog, ma non ti ho più mollata...ti leggo da tanto e non commento mai...però stavolta mi scappa proprio:
    e se SCOC e COLLA A STICH l'avesse scritto la maestra di inglese? :-)
    Comunque, se ti può consolare, io ho solo 2 gemelli (maschi)di 7 anni e avrò comprato una sessantina di quaderni, tra quadretti e righe, più un miliardo di matite, gomme (ma le mangiano, per caso???), temperini col serbatoio (da noi li vogliono così), e non so quante scatole di matite colorate che poi si consumano sempre gli stessi colori e ti tocca ricomprarle!
    Buon inizio di anno scolastico a tutti!!!! :-)

    RispondiElimina
  21. Ciao, anche io faccio parte della schiera: genitore che all'ultimo momento si ricorda che inizia la scuola e deve recuperare tutto il materiale...infatti la scuola è iniziata da una settimana, mancano ancora delle copertine e non sono ancora andata a pagare i buoni pasto della mensa. Per ora non mi sento in colpa.

    RispondiElimina
  22. Ti ho scoperta oggi e credo non ti mollerò più! Mi piace leggere 'cose' scritte bene e tu..cavoli se scrivi bene! :) Anche io mi devo barcamenare con tre creature meravigliose, non gemelli. E con tre realtà (scolastiche) diverse, asilo (ops materna!) elementari (ops primaria!) e superiori (queste si chiamano ancora così?). Ad ogni modo dopo aver acquistato il minimo di inizio anno ho atteso la fatidica lista...colla rigorosamente PRITT, matita rigorosamente 2HB...e sinceramente avendo dovuto già accantonare i quaderni a quadrettoni acquistati inutilmente (non si usano più neanche in prima!)penso che mia figlia continuerà a usare la sua matita e la sua colla Peppa Pig fino a che non saranno consumate (e manca poco dopo neanche una settimana!) Insomma, grazie per avermi fatta sentire meno sola ;)

    RispondiElimina

attenzione: i commenti ai post più vecchi di 14 gg vengono moderati! A causa del troppo spam ho disattivato le notifiche via email per i commenti in attesa...ma prima o poi li modero.