Passa ai contenuti principali

ALLA SAGRA DELLA CARNAZZA


L’altra sera sono uscita con una cara amica che non vedevo da un po’ e il suo nuovo ragazzo, che tra l’altro è un mio lontanoparente perché le nostre nonne erano sorelle. E allora niente, siamo andati a mangiare a una sagra di campagna perché alle sagre si mangia sempre veramente bene. Lei dice, andiamo a piedi, che è vicinissimo, ed erano tre chilometri, all’incirca. Io c’è da dire che con le bimbe, i tragitti più lunghi che faccio sono quelli necessari per arrivare alla macchina, ma in effetti camminare mi piace sempre e poi per la campagna, in questa stagione, è proprio bello. Tipo che vedi i campi piatti e a ovest il cielo rosa.
Alla sagra si erano persi la nostra comanda e abbiamo aspettato un’ora per mangiare, quando alle sagre aspetti dieci minuti a dir tanto. La pasta all’uovo in genere è la cosa migliore che fanno, alle sagre romagnole. Sarà che a me la carnazza non piace granché e la piadina non è buona uguale dappertutto. Per dire, a me fa schifo la piadina di Faenza e mi piace quella di Rimini. Sui dolci devo dire che siamo piuttosto scarsini, a meno che non sali dalle parti di BucoDelCulo e oltre, quindi praticamente in Toscana, e fanno dei dolci alle castagne che sbav. Il vino era pressoché rivoltante. Siccome il sangiovesazzo è rischioso, non so se avete mai subito un day after da sangiovese del contadino, ultimamente prendo sempre bianco ma anche il bianco schifoso è pericoloso per il mio stomaco e quindi temo che il prossimo passo sarà solo vino imbottigliato.
Detto questo, la sagra è davvero un’esperienza antropologica e quella a cui sono andata l’altra sera davvero sembrava il raduno degli sfigati. Sarà che poco lontano c’era una bella manifestazione hipster-gastronomica e quindi le persone normali erano tutte lì.
Devo dire che andare ai raduni di sfigati giova moltissimo all’autostima (però, e qui apro una breve parentesi, trovo che l’esubero di autostima renda le persone assai meno sexy). Quando vedi i tuoi coetanei invecchiati male ti senti meglio, ecco.
Quindi niente, c’era il raduno dei motociclisti, i quali motociclisti erano radunati proprio fuori dal tendone dove si mangiava e continuavano a sgassare facendo meo meo meo. Dai de gass, si dice qui, che è un po’ come dire: accelera. A un certo punto il meo era talmente insistente che ci chiedevamo se non fosse musica pseudoelettronica e infatti dopo un po’ questo meo c’aveva anche dei bassi e allora s’è intuito che stava per cominciare a suonare la cover band degli Ac Dc. Uno sballo proprio.
Ce ne siamo tornati a casa a piedi, attraversando un pezzetto di Romagna estrema, tra le lucciole. Ridevamo e loro si tenevano per mano.
In macchina ho acceso Dalida e ho pianto tanto, forse per via del trebbiano che mi faceva male alla pancia.

Commenti

  1. Ma ci sono ancora le lucciole? O ti sembra solo di averle viste? Io da un po' non ne vedo più.

    RispondiElimina
  2. Belle le lucciole, sono anni che non le vedo, forse quest'estate... siamo in mezzo alla campagna...
    Ma non mi demolire il mito del trebbiano! Signore, pure quello si è incarognito!
    p.s. Sai che noi, a forza di vivere nel terzo mondo, ci siamo abituati a standard bassini e ci sembra normale... così adesso in Spagna le gente ci prende per poveracci. Quasi da elemosina...

    RispondiElimina
  3. qui in Liguria le sagre sono davvero belle ma sono deliranti... a volte ti siedi aspetti una vita, devi mangiare veloce perchè hai uno in stile difensore centrale che ti marca stretto che vuole prenderti il posto.

    RispondiElimina
  4. La cover band degli AcDc fa molto primi anni novanta ma ha sempre un suo perchè... come il sangiovese ;)

    RispondiElimina
  5. Mi hai fatto venir voglia di andare a piedi alla sagra di paese :)

    RispondiElimina
  6. Sto in un paesino di 400 anime in Toscana e ho appena organizzato un compleanno super scic alla sagra del cinghiale per i quattro anni della mia bimba...
    È poi di solito alle sagre e' pieno di anziani che rappresentano la garanzia che il rapporto Qualità / prezzo e' altissimo. Il vino in effetti può essere rischioso ma W le sagre!

    RispondiElimina
  7. ...nel mio paese natale, sui monti, per le sagre pare ci sia un NI-NIN da aspettare,per il fine settimana hanno messo...NEVE!!!...kazzo!!!

    RispondiElimina
  8. Adoro questi pezzi di vita, un po' meno la parte dove piangi. In Emilia le sagre sono uguali anche se al posto della piadina fanno lo gnocco fritto

    RispondiElimina
  9. pensa che io invece non ti commento mai, perchè qui da te la sfigata mi sento io :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. perchè tu si che secondo me sei una strafiga


      Elimina
  10. Che nostalgia di te!..quando vengo beviamo solo martini!CI sará l'arena delle balle di paglia?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non credo, ci siamo state per il tuo compleanno, quindi agosto...

      Elimina

Posta un commento

attenzione: i commenti ai post più vecchi di 14 gg vengono moderati! A causa del troppo spam ho disattivato le notifiche via email per i commenti in attesa...ma prima o poi li modero.