Passa ai contenuti principali

FATECELA!


Cari tutti,
voglio salvare l’umanità, riaprendo la mia rubrica Io ce la posso fare. Spiego di cosa si trattava ai nuovi (se fossi stata una delle tante “nonniste” su internet non l’avrei fatto: sei nuovo, cazzi tuoi, io il blog l’ho aperto nel 2007, tu meriti di morire).
In pratica avevo ideato appunto questa rubrica utilissima che salvava le donne divorziate/ single dallo sfacelo domestico. Siccome io non so fare assolutamente nulla di manuale/ virile (l’altro giorno ho cambiato la prima lampadina della mia vita, con tifo da stadio delle mie figlie), avevo ideato la possibilità di intervistare per voi chi ce l’aveva fatta e rendere disponibili comodi pdf scaricabili dal mio dropbox di cui in realtà non ricordo più le credenziali. Abbiamo avuto ospite uno che aveva cambiato una gomma forata, uno che aveva montato una mensola in bagno, cose così. Eroi quotidiani. Ah, poi se non ricordo male io stessa vi avevo spiegato come si imbiancano i muri, un po’ alla cazzo di cane, a dire il vero.
Qualcuno mi ha detto che la rubrica era inutile perché c’erano già i video tutorial su youtube, ma no, l’istinto mi dice che invece è una cosa utilissima, per me e per voi. Una specie di società di mutuo soccorso. Cazzo me ne faccio di un uomo quando ho la rubrica Io ce la posso fare.
Sempre per voi divorziate/ single c’è l’iniziativa sociale di me e Vagina su Twitter. In pratica, come già saprete, abbiamo fondato l’hashtag #UnFigoAlGiorno dove segnaliamo se ci sono belle facce in giro. Prediligiamo soggetti con la barba (no vabbè, questa è una fissazione mia, lo sapete, assieme alla paglia per il calzino giusto), piercing sulla lingua (eh.). Devono avere rigorosamente la foto nel profilo (nei primi tempi andavo anche a guardare le foto in archivio, ora ho smesso), e devono essere rigorosamente autoironici, perché quando uno viene scelto normalmente lo prendiamo un po’ per il culo. Ne abbiamo uno un pochino prediletto, il quale ha portato le referenze della sua tipa, e perdippiù ha il piercing nella lingua. Abbiamo anche ospitato Marco Cocci, il figo di Ovosodo. Cioè. Questa iniziativa ha uno scopo benefico, ovviamente. Provate per credere. Nominate un figo e vedrete se questo non ve ne sarà grato a vita. Io sono passata già alla fase successiva: li fotografo per strada. Mentre voi fotografate i micini, la colazione, le scarpe e i bambini. Scusate eh.
Ricapitolando: sei divorziata e depressa?
Soluzioni: 1) impara a fare a meno degli altri per le più semplici incombenze domestiche, leggendo la mia rubrica;
2) scolati due martini, ferma il primo figo che trovi e chiedigli se lo puoi candidare per #unfigoalgiorno. Se candidi un tipo su Twitter, non sceglierlo troppo famoso; se candidi un tipo vero, non sceglierlo troppo figo. Si gasano e basta, non ti serviranno a niente.
Ci vediamo nei prossimi giorni con la prima rubrica pratica: “Come selezionare sconosciuti e mariti delle amiche per i lavori pratici in casa”.

Commenti

  1. Eccomi.
    Io non solo non so fare, ma non voglio fare.
    Io ho la pila del telecomando della macchina scarica da almeno otto mesi, e sono senza acqua nei tergicristalli e devo imbiancare, e tagliare l'erba del giardino, e piantare un rovo di more.
    Io la tua rubrica la venero.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Piantare un rovo? Anche io ci avevo pensato, per fare vedere che sono una persona ospitale.

      Elimina
  2. Oggi mi hai fatto proprio ride.

    Soprattutto per il fatto che io sono una pippa del cazzo, e dentro casa non so fare quasi nulla. Mica per niente, ma anche non possedendo una comoda vagina, riesco sempre a trovare qualcuno che fa le cose al posto mio.

    A proposito, mi si è fulminata la lampadina.
    Daje mpò.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah, quindi secondo te avere una comoda vagina in casa significa delegare tutto? Io speravo il contrario, fai te. Non siamo compatibili. :)

      Elimina
    2. C'è di peggio. Potevamo esserlo, ad esempio.

      Elimina
  3. Io non so fare molto e non sono neppure troppo figo. Ma magari nella media tra le due esce qualcosa. Propongo il biathlon

    RispondiElimina
  4. ahah sei troppo fuori, in senso buono. Mi fai morire dal ridere! grande e buona giornata

    RispondiElimina
  5. Ci sto per la rubrica! Una lampadina la so cambiare e una volta che ho squarciato una gomma ho preso il libretto d'istruzioni della Panda e pian pianino me la sono cambiata: alla fine è arrivato un ragazzotto ad aiutarmi, ma il grosso l'avevo fatto! Mi piacerebbe imparare a usare il trapano, ecco. E nozioni basilari di elettricismo. So anche montare i mobili dell'Ikea :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il trapano? tutta scena, credimi. Molto meno faticoso di una gomma. Mi sono montata tutte le assi in cucina e in bagno, previa levigatura e verniciatura.
      Sai qual'è stata la cosa difficile? Calcolare la posizione simmetrica dei fori.

      Elimina
    2. C'ho il terrore della punta rotante, di sbagliare angolazione, di andare troppo in profondità, di bucare un filo o un tubo, di polverizzare il muro... idem per le iniezioni intramuscolari, gnaaa faccio. Devo andare in terapia!

      Elimina
    3. Così mi piacete! Mutuo soccorso for ever!

      Elimina
    4. @Livia: mannoo!!
      Padroneggialo. Non farti mettere sotto, anche se ci prova. Sta tutto lì.

      Elimina
  6. Grande Vale. Marco Cocci. Pensavo di ricordarmelo solo io!
    La rubrica mi piace tantissimo, posso offrire marito barbuto abile nel bricolage (aggiungerei un paio di battute sconce ma non me la sento).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dille dille!!!

      Oh, chi se lo scorda il rasta!

      Elimina
  7. Solo io ho il marito (barbuto) che l'unica cosa che fa e' cambiare le lampadine? E che nessul'ultima ha usato nonsochevoltaggio ("tanto non cambia niente) e si e' sciolta la plastica del portalampada? Eh!?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spetta, dimenticavo.
      -ehi, si e' fulminata la lampada esterna
      -ah, ce ne sono altre due

      Dopo un mese
      -son chioppate nche le altre due
      -ma c'e' il faretto condominiale, mica siamo al buio
      -s'e' infiltrata l'acqua ed e' morto sei mesi fa
      -ah ok, questi giorni me cambio una.

      Elimina
    2. Tuo marito è più o meno al mio livello.

      Elimina
  8. ...eggià..i lavori manuali.. Sono negatissimo! Mi verrebbe da dire che fino a 18 anni mi facevo masturbare da una vicina perchè io non ero in grado....ma non lo dico.
    Questo è un blog troppo rispettabile per contenere simili volgarità.
    (6 sempre al top!)
    bacilli!!!

    RispondiElimina
  9. Fantastica! specie negli incisi (non sceglietelo troppo figo, non vi servirebbe). W la beneficenza!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Detto chiaramente: non necessariamente un figo è bravo a letto, I suppose XD

      Elimina
  10. Condizione non necessaria né sufficiente, infatti. E vale pure l'inverso.

    RispondiElimina
  11. Decisamente tu ce la puoi fare! Mi vien voglia di farmi twitter solo per broccolare fighi per strada.

    RispondiElimina
  12. Lo sai che esiste questo servizio, vero?
    http://www.ilmaritoinaffitto.it/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sì, ma perché pagare quando puoi scroccare?

      Elimina

Posta un commento

attenzione: i commenti ai post più vecchi di 14 gg vengono moderati! A causa del troppo spam ho disattivato le notifiche via email per i commenti in attesa...ma prima o poi li modero.