Passa ai contenuti principali

PENSIERI IN AUTOBUS


In questi giorni c’ho un po’ di sfighetta malefica, ma forse non è sfighetta, bensì sono io che sono negativa.
Le cose vanno quasi sempre come le faccio andare, nella vita. Se vanno male è quasi sempre colpa mia, se ci penso. E infatti siamo a metà del mese, lo sapete che a metà mese mi girano, sono cattiva, e mi capitano tutte.
Insomma, mi è successo che a mio fratello s’è rotta la macchina perché è un cazzone e la tiene male, e io ho dovuto prestare la mia a mamma, perché lei non ce l’ha e le bimbe sono da ritirare da scuola e poi da portare in palestra, e insomma, un gran casino.
Io volevo andare al lavoro con la mia collega, ma la mia collega era malata, e allora ho preso l’autobus.
L’autobus è bello, però io anche volendo non lo potrei prendere ogni giorno perché l’ultimo che torna a BucoDelCulo è alle 17.30.
La gente non esce dal lavoro alle 17.30, no. Insomma, continuo a consumare Co2, ciao politici locali, ciao, grazie, ciao PD, ciao cooperative, ciao padroni, ciao.

Volevo dire che l’autobus mi piace, che stamattina era pieno di ragazzini delle medie che sapevano di cucina e io li respiravo, e dicevo, questa è la vita, la scuola.
E poi c’erano le vecchie, che prendono sul serio ogni piccola cosa che fanno, anche prendere l’autobus, e lo prendono con la serietà che avrei io se stessi partendo per la luna su uno shuttle. E anche questa è vita, vita vera.
E poi c’erano queste tre, che penso potessero avere tutte più o meno la mia età, ed erano una cinese, un’africana e una sudamericana (c’erano un italiano un francese e un tedesco), ed erano uno strano gruppetto, l’africana sembrava proprio fuoriuscita dagli anni sessanta. La sudamericana rideva. Loro erano amiche. Amiche alle 8 di una mattina piovosa di marzo. Amiche con tutte le differenze. Amiche con tutta la solitudine.  Amiche come solo le donne sanno essere. Era vita anche questa, sì.

Commenti

  1. Bello bello! (sul serio saresti seria in un viaggio con lo shuttle?) ;)

    RispondiElimina
  2. E' proprio dall'immagine di quelle donne che ci si rende conto di quanto sia bella la vita! Complimenti per il blog!

    RispondiElimina
  3. ecco, diciamolo anche a tutti quelli col suv in centro città.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, se uno ha il suv e i mezzi pubblici non esistono gli tocca usarlo. (non ho il suv :) )

      Elimina
  4. :)dovresti scrivere un libro, fanno troppo male questi post così piccoli che vorresti non finissero mai

    RispondiElimina
    Risposte
    1. vero!post che vorresti non finissero mai : )
      B.

      Elimina
  5. io adoro prendere i mezzi pubblici solo per questo motivo...
    W le donne!

    RispondiElimina
  6. E tu immagina come può essere l'autobus 56, che percorre via Padova qui a Milano che più multietnica di così non si potrebbe, e che prendo quasi tutti i giorni.

    RispondiElimina
  7. Non trovo il bottone per cliccare "mi piace", ma insomma, ecco ... mi piace!

    RispondiElimina
  8. La semplicità delle cose, bella. ♥

    RispondiElimina
  9. bello questo post leggero felice marzolino!!

    RispondiElimina
  10. anch'io sono sfigata in questi gg

    RispondiElimina
  11. E' incredibile...con l'auto guadagni in comodità ma perdi tanti piccoli dettagli (sopratutto se nel tragitto A:cerchi l'auricolare B:sei uscita con un occhio truccato e uno no per la fretta di portare le figlie a scuola e tenti di recuperare....etc etc) ciao

    RispondiElimina
  12. @Elisabetta: bello il tuo blog, però.

    @essenza: però in macchina ho la radio...non sono sul pezzo ma la musica dentro alle orecchie non mi esalta:..

    RispondiElimina
  13. Ogni volta che leggo un tuo post ,mi sembra di conoscerti un pochino meglio... Sei spontanea e genuina e soprattutto mai banale. Un saluto. Laura

    RispondiElimina

Posta un commento

attenzione: i commenti ai post più vecchi di 14 gg vengono moderati! A causa del troppo spam ho disattivato le notifiche via email per i commenti in attesa...ma prima o poi li modero.