Passa ai contenuti principali
Dieci agosto, San Lorenzo. Io non credo in un tubo, né in Babbo Natale, né in dio, né nel comunismo. Invece le stelle cadenti mi piacciono, e credo nella mia forza, e credo anche nelle botte di culo. Di botte di culo ne ho avute diverse, tre delle quali sono alte all'incirca un metro e venti.
La sera di San Lorenzo io e mio fratello abbiamo lavorato abbastanza, perché stiamo in collina e la gente era venuta a vedere le stelle e qualcuno prima di vedere le stelle s'è seduto ai nostri tavoli, forse perché davamo musica anni settanta, o forse semplicemente perché esprimere i desideri da sbronzi è meglio.
All'una ho lasciato i bicchieri da lavare e i pavimenti da pulire, e me ne sono andata al parcheggio, con il sacco della spazzatura. "Non vai a vedere le stelle?", mi ha chiesto mio fratello. "E' che ho ricevuto troppi inviti da tutti i tipi che mi faccio, e nell'imbarazzo della scelta ho deciso di andare a casa", gli ho risposto. Non era vero, ovviamente.
Tutte le mie amiche che erano single l'anno scorso, ad oggi non lo sono più. Per chiunque è fottutamente facile amarsi e lasciarsi. Tranne che per me.
Andavo a casa, e il sedile passeggero era occupato dal sacco della spazzatura. Una compagnia comunque migliore di uomini che ho avuto. O creduto di avere.
Poi non sono più andata a casa. Sono andata ancora più in collina della collina dove vivo, su una collina che chiamano la Carla. Sono andata sussussù finché avevo voglia, e poi pensavo che la benzina costa davvero un fottìo, perché uno possa permettersi di guidare a vuoto un'ora.
Poi niente, ho spento la macchina e le luci, e ho acceso il lettore cd. Con il sacco della spazzatura di fianco. E ho guardato le luci, a valle. E le stelle in cielo, e la mezza luna. E più a valle c'era la città, e oltre la collina c'era la Toscana.
Ho pianto. Per il marcio che vorrebbe penetrare in quella fortezza bellissima costituita dalla mia famiglia e dalle amiche più care. Ho pianto per chi mi dice: Ma guardati, non sei neanche capace di trovarti un uomo. Ho pianto per chi mi dice: ti ho lasciato perché sei cattiva. Ho pianto per chi mi dice: il suo è stalking, e ho pianto anche per chi mi dice: è solo colpa tua. Ho pianto per chi mi dice: è colpa tua, che cerchi fuori la felicità. Ho pianto per tutto quello che non mi dicono. Ho pianto per quello che penso di me stessa. Ho pianto perché ho sempre pianto e so fare solo quello. Ho pianto perché se avessi pianto davanti a mia madre avrebbe pianto anche lei. Ho pianto per tutte le volte che mi sono detta: Proviamoci, e poi mi sono detta: Non accetterò mai questo compromesso. E in mezzo: il mio corpo, per quello che vale. Ho pianto perché preferisco qualche seduta dalla psicologa che un cocktail di antidepressivi, ma è quasi Ferragosto, e non troverei neanche lei ad ascoltarmi.

Ora sto meglio, ho finito le lacrime.

Moderato in re minore, Carmen Consoli.

Commenti

  1. mi rendo conto che a volte altre persone scrivono quello che avremmo voluto dire noi.

    non sai quanto ho pianto anch'io. ma poi basta.
    le stelle cadono e chissenefrega se i desideri non si sono avverati, magari non erano quelli giusti per noi.
    ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo: quando non ho quello che voglio, mi fido del destino e aspetto di avere qualcosa di diverso ma altrettanto bello.

      Elimina
  2. Che botta, Polly.
    Pensa ai tre metri e venti, e ogni tanto, invece di andare in collina, mettiti su un bel disco scanzonato e fatti un cocktail in più, che magari ci ridi sopra, o al massimo ti addormenti come il sottoscritto. ;)

    RispondiElimina
  3. esseciphotoagosto 11, 2012

    Hai pianto anche le lacrime in me che non trovano la strada dell'esterno...
    Avrei voluto essere al posto del sacco della spazzatura, per abbracciarti forte.

    Poi passa, per fortuna o meno.
    Solo il cielo sa quanto odio l'estate, anche per questo.

    Bacio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Magari se fossi stato al posto del sacco della spazzatura avresti pianto anche tu. Un bacio.

      Elimina
  4. Ci sono passata anche io,e io credoevo che a me sarebbe durata per sempre quella situazione li. Che mai avrei trovato il mio posto o che mai qualcuno o qualcosa sarebbe stato su misura per me e il mio pargolo.
    Poi le cose son cambiate, una botta di culo. Ovvio.

    RispondiElimina
  5. Conosco quel guidare lì e quel piangere lì.
    Li conosco bene.
    Sappi che anche se ti conosco solo da queste pagine penso che tu sia una persona splendida.
    Stronza come solo le donne splendide sanno essere, ma dolce e generosa anche di più.
    Se serve, la mia spalla e la mia mail sono qui per te.

    RispondiElimina
  6. Un abbraccio...donna forte!

    RispondiElimina
  7. È che ci credo davvero nell' happy ending, l'ho detto pure ieri. Non so nulla dei cavoli tuoi, so di quello che scrivi. Voglio sperare che arrivi una sera, a bere una cosa da te al locale, non avrà paura di te mamma, vedrà solo te donna. È porterà gentilezza, due spalle forti e abiti seri. Ballerà musica pop e sarà totalmente rapito dal tuo mondo vintage e multicolor.
    Divago ma ci credo :) sei grande..l

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Da quando lavoro in un posto pubblico, ho anch'io dei fantastici spasimanti fissi. Però il tizio in questione con le spalle forti e gli abiti seri dovrebbe anche piacermi, non è facile.

      Elimina
  8. cioè hai pianto...ok. Ti serviva. Nonostante le tre con la gonna di velluto. Nonostante il lavoro, che ti sei scelta e nonostante la mamma sensibile alle tue lacrime..o forse anche per tutte queste cose e altre...ma dimmi una cosa: dopo il sacco della spazzatura lo hai buttato o te lo sei portato a casa che ti eri affezionata? :DDDDD i love you polly...

    RispondiElimina
  9. E' incredibile come ci si possa assomigliare così tanto senza conoscersi.

    RispondiElimina
  10. E niente, poi vi rispondo singolarmente perché mi state tirando molto su. Per ora vi dico il temporaneo epilogo. Quando ho finito di scrivere il post ho pianto ancora un po', al lavoro, e poi ho detto: sai che c'è? Che poi quest'anno le stelle si vedono il 12, mica il 10!
    Chiamata amica single e preparata la coperta per domani sera, che sia spiaggia o collina. Cheers.

    RispondiElimina
  11. per citare la nostra comune amica Carmen (Consoli): "Non hai mai sentito dire che la bellezza delle cose ama nascondersi"... Mi ritrovo a ri-commentarti a distanza di un post ma non posso non farlo, dopo aver letto adesso questo tuo ultimo e pensato che stamattina ho mandato un sms così:"Cara...,scopro che un bel pianto libera dal mal di testa più di una bustina di Oki.Oggi,per il mio ultimo giorno a Rm prima di andare dai miei,mi sono regalata sveglia presto e un giro in centro,per strade diverse da quelle che faccio sempre,per ricordarmi che sono una donna fortunata e brava e CE LA FARO'.Ti abbraccio".Anche a me han detto che le stelle si vedono domani sera :)

    RispondiElimina
  12. Almeno ridi per me, che a 25 anni cominciano tutti a chiedermi "ma non ti sposi? nemmeno convivi?". No, bado a me stessa ed è già tanto. E tu badi anche alle bambette con le gonne di velluto. son soddisfazioni vere, queste ;)

    RispondiElimina
  13. ...dalla lista dei desideri puoi depennare la voce "scrivere in maniera magnifica"

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie :).
      Che poi, se ci penso, di desideri ne ho appena due o tre, e questa scarsità significa che tutti gli altri si sono più o meno avverati.

      Elimina
  14. Polly. lurko e leggo te, machedavvero, spora, vagina e un bel motociclista su FB (e nn ho nemmeno un profilo...lo lurko con quello del lavoro). ho 37 anni, una bimba di 2. un ex (44 anni! nn un pischello vojo dì) che dopo 12 anni, alla notizia che ero incinta (era giovedì), si è seduto sul divano dicendo -non voglio stare con te. adesso non penserai che faremo la famiglia felice. io non ti sposo-. poi (sabato) ha preso un aereo; non si è fatto sentire per 21gg. e alla fine è tornato con una canadese. Si sposa il mese prossimo.
    ora. cosa voglio dirti? che ci ho messo un paio d'anni. ma io e viola siamo LIBERE. lo sei anche tu. Libera di far sedere accanto a te pure un sacco della spazzatura che di sicuro contiene meno merda di questi uomini (intendo questi 2 uomini...non generalizzo).
    mi sono palesata. ora torno nel lurking.... ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie di esserti palesata.

      Gran coglione il tuo ex, se posso. Credo di sapere come ti senti.

      (ma il motociclista figo?)

      Elimina
    2. certo che puoi! ho dato della merda al tuo ;) ...il motofigo? ci si vede una/due volte alla settimana....lui si dichiara uno "spirito libero", ma in questo momento lo sono di certo più io ;). Lo osservo da FB, perchè ogni tanto mi dedica una canzone degli U2... e intanto ho in mano il foglio rosa x prendere la patente della moto...si sa mai ....
      ti abbraccio polly. tanto tanto tanto bene a te e alle bimbe....

      Elimina
  15. Polly. La cosa bella della vita è che è imprevedibile. Lasciati sorprendere. E fottitene di quello che dicono gli altri. Ma veramente.
    Vi abbraccio tutti, te, bimbe con gonne di velluto, sacchi dell'immondizia e tutto il circo appresso.

    Moi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sarebbe lungo da spiegare, ma quello che l'altra sera ha scatenato l'angoscia è stato un commento acido sui fatti miei, che mi ha fatto pensare, con un ragionamento se vuoi anche cervellotico, che certe chiacchiere influenzino anche qualcuno a cui tengo.

      Elimina
  16. Sai che c'è? Che chi ti dice che sei cattiva non ha capito nulla.
    Le persone cattive non piangono.

    RispondiElimina
  17. Quoto Poison.
    Dai uno sguardo alle stelle anche per me. :)

    RispondiElimina
  18. eh. se non facesse abbastanza male il post, ci si mette pure la carmen.
    non ce la si fa ad essere sempre forti, a volte si sentono delle mancanze. quoto chi ti ha detto che sei libera, credo sia l'unico pensiero veramente salvifico, in certi momenti.

    RispondiElimina
  19. A me è capitato di piangere perchè troppo concentrata su cosa pensa la gente su quello che ho accettato, fatto o detto. E sono giunta alla conclusione che la gente se ne sbatte di quello che puoi pensare o volere tu davvero, perchè comunque deve giudicare a prescindere.
    Ti ho scoperta un po' di tempo fa e ho iniziato a leggerti, ma troppo timida per commentare. Stavolta però mi viene dal cuore dirti che sei una donna forte, con le palle, molto più di tanti uomini là fuori. E puoi essere solo orgogliosa di te stessa...che prima o poi ci sarà pure qualche essere di senso maschile dotato di sufficiente intelligenza per notarlo! Chi non ti vuole non ti apprezza....me lo ripeto spesso anch'io. Non so se sia vero, non so se aiuta però mi piace ripetermelo come un mantra e pensare sia davvero così.
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
  20. ...è bello leggerti...ed e spesso RUBI te parole che vorrei dire... ma non ti denuncerò per questo..
    ..un abbraccio!!

    RispondiElimina
  21. Te sei poi malinconica a prescindere, vero?
    Che hai bisogno di sentire la pesantezza della vita per renderti conto che, comunque, sei fortunata. Ti stringolo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono una che può passare dalle risate alla malinconia nel giro di un secondo e mezzo. La malinconia quando arriva la devo assecondare, sennò implodo.
      Stridoli a te.

      Elimina
  22. bello, bellissimo questo post.

    Sembra un frammento di rinascimento sentimentale, sai una di quelle prose che percorriamo dentro di noi per riuscire a superare momenti difficili.
    Se fosse una serie tv, quello che hai raccontato sarebbe un bellisimo finale di episodio, che andrebbe poi a preludere un happy end di finale di stagione.... Ma as you know la vita non è una serie tv (per fortuna) e quindi non ci sono happy end ad attenderci, ma solo momenti dall'altalena in cui oscilliamo. A volte oscilliamo tra auto divise con un sacco delle immondizie ed un cielo stellato, ed altre volte oscilliamo tra la felicità e la voglia di essere sempre vivi.
    Hai classe nello scrivere, complimenti!
    Helly

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bè, la voglia di essere vivi a volte convive benissimo con le lacrime e le auto divise con un sacco del rusco. :)

      Elimina
  23. Dà un certo piacere piangersi addosso e compatirsi e struggersi. Soprattutto è terapeutico, se si ha la fortuna di essere come tu mi sembri, emotivamente intelligente, irriverente ma autoironica, dolcemente stronza. (potevo dirlo?) A me mi fai sbragare dal ridere ed emozionare, perchè mi ricordi una tipa forte, quando quella alta un metro e venti ero io.

    RispondiElimina
  24. Un post bello e toccante.
    Anche ogni tot. giorni ho bisogno di piangere senza freni.

    RispondiElimina
  25. sei così vera che spacchi il cuore,forse perchè in fondo a chi non capita serate come questa?
    il tuo blog è molto bello,mi fai ridere e avere le farfalle nello stomaco.

    RispondiElimina
  26. probabilmente non è consolante: ma trovo così bello chi cambia srada alle 2 di notte e guida solitario nel buio in cima ad una collina per guardare le stelle.
    per cercare qualcosa, anche da sola, anche un pianto. sei bella. ecco.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sul serio c'è qualcuno capace di dirti "Ma guardati, non sei neanche capace di trovarti un uomo"? E tu lo stai a sentire? Queste sono paranoie che se ce le mettiamo in testa noi, si sa ci siamo portate, ma che te lo dica un altro, beh...
      Comunque tutto il resto lo conosco benissimo.
      In fondo mi sembra che tutto quel che desideri sia essere amata con convinzione. Mi pare normale.

      Elimina

Posta un commento

attenzione: i commenti ai post più vecchi di 14 gg vengono moderati! A causa del troppo spam ho disattivato le notifiche via email per i commenti in attesa...ma prima o poi li modero.