Passa ai contenuti principali
Mio fratello rimorchia a manetta.
Io mai. Eppure dice che gli omosessuali sono il 10% delle persone, per cui per ogni tipo che rimorchia lui, dovrei rimorchiarne nove. E invece.
Quando qualcuno mi s'avvicina in genere non mi piace, e se mi piace, quasi sempre mi prende male, mi vergogno, non so che dire. Dice Serena che dovrei essere più brava nel botta e risposta. Tipo che quando uno tra i miei intorti, ehm, mi fissa insistentemente al bar e mi dice "Abbiamo finito il gelato al pistacchio", io dovrei rispondere qualcosa e non guardarlo come se fosse scemo, tacendo. Io ho spiegato a Serena che mi sentirei più a mio agio a parlare tipo di politica, o anche di letteratura americana, o anche, chennesò, di Brigate Rosse. So tante cose sulle BR. O di Amartya Sen. Ecco, Amartya Sen a me mi fa impazzire. Però forse se uno fa l'operaio non è detto che lo conosca, dice Serena. Ok, ma io non so parlare di pistacchio, di meteo e di inutilità. Forse sono timida.
"Forse te la tiri", dice la M. "Un minuto fa hai proferito la colorita espressione ndo cojo cojo, e poi ti s'è avvicinato uno che non era neanche così male, e tu l'hai guardato schifata"
"Era basso"
"Sei snob"

E insomma, il punto è sempre quello. Che dovrei ascoltare di più mio fratello. Mio fratello lo vede ad occhio, se uno è quello giusto.
"Esco col tale, questa sera", gli ho detto una volta.
"Fonti certe mi dicono che sta sempre sotto", mi ha ghiacciato lui. Non era vero eh. Però, cazzarola, io non sono una gran sportiva, sulle prime mi ero preoccupata.

"Non devi trovartelo più lontano di Bologna", mi ha detto un' altra volta. "Pensa a quanti chilometri farebbe la tua amica più brutta per vedere un tipo, e fanne molti meno". Eh, vabbè, mio fratello non sa che noi donne ce li troviamo ben distribuiti geograficamente, per evitare che si trovino in tre o quattro al bar a discutere di come siamo noi senza le mutandine.
Io comunque bisogna che gli chiedo il Decalogo del Rimorchio.
Perché ci avrei il sogno segreto di sposarmi.
Perché proprio c'ho voglia voglia di comprarmi un vestitino di quelli che nella vita li guardi, e poi guardi la faccia delle tue figlie e dici, seh, vabbè, sti soldi spendiamoli meglio. E invece, se fosse il mio matrimonio, mi direi non fare la tirchia, ti sposi. La bolletta del gas può attendere.
Io tipo mi vorrei comprare un vestito da Twiggy, cortissimissimissi. Magari giallo. Il giallo mi dona. Magari mi faccio prima due lampade eh.
Eh, però alle scarpe ci devo ancora pensare. Col vestito corto non mi piacciono i tacchi, fa troppo strappona.
Eh, sono cose che ti danno da pensare queste.

Ieri mi è venuta la voglia insana di riascoltarmi il Luca Carboni degli anni ottanta. E dopo un primo attimo di angoscia con sottofondo di Luca che si buca, e un po' di scoramento per l'accento fortissimo, bè, sono entrata nel loop. E mi sono ricordata che si parlava di convivenza prima ancora che Dente cominciasse a farsi le pugnette.
Vengo a vivere con te, lo sai mi sono innamorato e la vita è troppo corta, non possiamo perdere tempo, o forse è proprio il tempo che non può perdere noi (...). Potremmo essere felici e fare un mucchio di peccati, potremmo essere felici e a volte un po' disperati.

E queste sono cose che da bambina ti segnano. 

Commenti

  1. Premesso che credo che gli omosessuali siano molti di più, anche un buon 40%, ti dico che se la persona è giusta non si creerà imbarazzo, e riuscirete eissimo a parlare dalla politica al gelato al pistacchio..

    RispondiElimina
  2. Io se uno mi piace perdo magicamente la parola, e questo non è bene, soprattutto perchè poi i pensieri mi rimangono tutti incatrati nella testa. Incastrati senza via d'uscita.
    Luca Carboni, potrebbe essere causa di tanti miei mali, ora che ci penso.

    RispondiElimina
  3. Se uno mi piace troppo divento algida. E' una forma di auto-difesa, immagino.
    O forse è che sono cretina.
    Boh.
    Ah, se riesci a farti dare da tuo fratello il Decalogo del Rimorchio, per favore postalo ché ce ne ho un gran bisogno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bah, io provo a farmi dare un decalogo, ma in tutta sincerità, credo che quello che scarseggia siano le prede :(

      Elimina
  4. Ma magari c'è chi è portato per il rimorchio, come tuo fratello, e chi aspetta uno con cui parlare di Amartya Sen, no? :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, ma quello che aspetta UNO cn cui parlare di A. Sen forse non aspetta me. :)

      Elimina
  5. senti..
    ma tu sei eccezionale
    sul serio
    ti ho letto d'un fiato e non smetto più
    sei una bestia....
    trasudi emozioni e energia da tutti i pori
    pure quelli intasati dal cotton fiock
    porca paletta

    RispondiElimina
  6. Quel disco l'ho consumato e confermo... ti segna

    RispondiElimina
  7. "Potremmo dirci certe cose/da far accapponar la pelle/potremmo fare certe cose/che ci fucilano alle spalle"
    Bellissima canzone... :-))))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. perché, quella degli autobus di notte?

      Poi, aspè, ce n'è una che trasuda Romagna da tutti i porti...quella del pescatore che si orienta con le insegne degli hotel...e la vità è là, si muove dietro a quelle case...il mare che sembra mosso dalle mani di lavandare...ahhh.

      Elimina
  8. Ah e mi ricordo il video con lei a cavalcioni su di lui che lo filmava con la telecamera. A 12 anni è praticamente un video porno ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e niente, me lo sono andata a rivedere. Lui gran passero, avesse avuto un po' di barba...

      Elimina
  9. quella canzone è molto pericolosa ... sono esplosa a piangere ascoltandola varie volte ... bisogna stare attenti a luca carboni ... molto

    RispondiElimina
  10. la primavera ti sta scompigliando
    ricomponiti

    RispondiElimina
  11. A me Carboni fa piangere tutte le volte quindi preferisco lasciar perdere! Da una che si e' sposata con i pantaloni direi che non e' niente male l'idea del vestito corto giallo per il matrimonio.. Pero' i tacchi ci vogliono!!
    Anche io non sapevo mai cosa dire nelle fasi di rimorchio...così sembrava che" palassi" tutti ( mio marito ancora mi chiama la Regina dei Pali) pero' ho sempre pensato meglio stare zitte che sembrare una che non sono. In bocca al lupo sei una tosta (come direbbe la mia Nanetta) sono sicura gestirai alla grande i primi approcci!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. no, vabbè dai, ho 29 anni, non sarebbero proprio i primi approcci XD

      Elimina
    2. Intendevo primi in quanto nuovi con persone nuove!!! Non ti facevo sbarbatella...

      Elimina
    3. no, ma in effetti sono 15 anni che tento di diventare sgamata e non ci riesco :)

      Elimina
  12. hai detto che ti piacciono illetterati,quindi lascia perdere la letteratura e fatti una cultura sui gelati ;)

    p.s. ma siete davvero gemelli, tu e fratello? confessa!

    RispondiElimina
  13. Tu senti la primavera tutto l'anno, ma quando poi arriva la senti di più.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci mancherebbe. E' tutto un inno alla vita.

      Elimina
  14. Sottoscrivo Katia, magari non il 40% ma gli omosessuali secondo me sforano assai il 10%.
    Magari se ti metti a parlare di Stephen King raggiungi un buon compromesso tra i due estremi :)
    Non posso darti consigli perché sto messa peggio di te, quindi mi limito a fare il tifo... Vai col giallo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nu, con Stephen king ho smesso a 16 anni...

      Elimina
  15. ti dico solo che ho dovuto cercare Amartya Sen, perchè dal nome credevo fosse un fumettista giapponese.

    sei sempre la migliore!

    RispondiElimina
  16. E invece ci vuole solo del talento , per l'acchiappo. Che chi acchiappa però, di solito mantiene segreto, su come si acchiappa. io non acchiamo. Mai successo. Mai. Non so come ho fatto a ritrovarmi sposata.Bah

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma infatti io dico sempre che basta acchiapparne uno che sia quello buono, mica devi acchiapparli tutti ;)

      Elimina
  17. Adoro questo revival Carboni! Il mio primo concerto, ormoni a manetta e mal distrubuiti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco, ora mi incavolo con mia madre che mi costringeva ad ascolatare carboni tutto il giorno ma non mi ha mai portato a un concerto. Però nel curriculum dei miei primi otto anni vanto Finardi o.O...il mio primo concerto è stato Samuele Bersani...due amiche e niente ormoni.

      Elimina
  18. Perchè "Farfallina" dove la mettiamo? Ascoltare una canzone così a 14 anni ti segna per la vita! Io piangevo come un'aquila tutte le volte ...
    "Non pensare che sia pazzo
    se sto a parlare con te
    è che sono solo
    sorellina
    così troppo solo che
    Ho bisogno d'affetto
    per oggi tienimi con te
    ho bisogno d'affetto
    ho bisogno anche di te
    ho bisogno di amore
    e di qualcosa che non c’è
    Ho bisogno d'affetto...
    ho bisogno d'affetto...
    ho bisogno d'amore..."

    RispondiElimina
    Risposte
    1. per me Farfallina era una prostituta.

      Elimina
  19. Come sempre sei meravigliosa :) ho letto che odi questo genere di cose, ma non abbiamo potuto fare a meno di premiarti nel nostro blog :) se hai tempo e ti va passa ;)

    RispondiElimina
  20. oh mamma quei versi di Carboni li ho consumati a son di ascoltarli!

    RispondiElimina
  21. grazie per questo revival Carboniano, probabilmente anche io sono stata segnata ma non saprei esattamente in che modo dato che sono sempre stata convinta che il testo dicesse e "leccandoti far tremare il bar' oppure "potremmo dirci certe cose da fare a capo nella pelle"

    RispondiElimina
  22. volevi il manuale del perfetto rimorchio?!? eccotelo!

    http://lezpop.it/tag/manuale-del-perfetto-rimorchio/

    RispondiElimina
  23. no, ma io me lo stampo e me lo leggo stasera.

    RispondiElimina
  24. l'amica di Julezmarzo 24, 2012

    Gli omosessuali sono il 90% !!

    RispondiElimina
  25. La storia dei kilometri non la conoscevo! MI sà che io ero quello brutto,))

    RispondiElimina

Posta un commento

attenzione: i commenti ai post più vecchi di 14 gg vengono moderati! A causa del troppo spam ho disattivato le notifiche via email per i commenti in attesa...ma prima o poi li modero.