Passa ai contenuti principali

CERCASI ROALD DAHL

Il fatto è che io proprio ho sbagliato tutto nella vita: dev'essere che al mio sviluppo emotivo manca la fase edipica. Forse perché da bambina mi sono innamorata di Roald Dahl invece che di mio padre.

La mia vita sentimentale è un disastro da almeno due anni. Ok, lo è da sempre, diciamocelo. Solo che fino a due anni fa mi crogiolavo in storie infinite e fondamentalmente monogamiche, e non mi chiedevo dov'è che sbagliavo. Ora ho preso coscienza del fatto che sbaglio qualcosa. E' che proprio faccio scappare la gente. E no, non sono una cagacazzo, se è questo che vi state chiedendo. Ecco, magari il problema è proprio quello. Perché chi la dura la vince. E io invece vado sempre avanti: cancello i numeri di telefono e me ne sbatto. Senza sapere esattamente quale treno aspetto. Probabilmente l'aereo (cit.).
Anyway, l'altro giorno, ho avuto un'illuminazione folgorante.
Guardo i tipi sbagliati: soggetti in grado di sublimare il mio istinto materno.Tipi che se li guardo bene, mi fanno pensare a dei cuccioli.
Cerco l'incastro, no? Perché io sono una che ci sta dentro (ok, ora insultatemi tutti in coro).
Nonostante la cazzonaggine di base, credo che la mia unica dote sia la capacità di problem solving. Niente mi imparanoia. Vado avanti. Considero volgare agitarsi per nulla.
Non ho i soldi per pagarmi l'università? Farò la cameriera per finanziarmi. Aspetto due figlie anziché una? Benissimo, le metterò nella stessa culla, una dai piedi, e l'altra dalla testa. Aspetto la terza figlia? Ommerda. Ecco, quella è stata l'unica volta nella vita in cui sono entrata in paranoia, ma poi l'ho fatta eh. Oh, se l'ho fatta. Mi hanno detto che dopo un cesareo dovevo fare un altro cesareo, e io ho detto "Col cazzo che mi mandate di nuovo in sala operatoria, col cazzo proprio, nascerà come nascono i piccoli delle gatte, delle asine e delle giumente". Però Carolina ha frignato quando le ho detto da dove era uscita. S'è annusata, e s'è stupita di non puzzare, la stronza.
Poi niente, al lavoro riesco bene perché quando faccio un marone lo risolvo prima che qualcuno se ne accorga. Ho fantasia e improvviso.
Il top della mia magnificenza è stato l'estate scorsa: ho prenotato su internet un appartamento al mare, senza neanche guardare la cartina geografica, e sono andata da sola con le bimbe. Ci siamo trovate a Livorno senza sapere neanche dove fosse, con Dalida o Bob Marley a palla nello stereo, e poi ho interrogato il Garmin e una blogger toscana e abbiamo scoperto in loco che esisteva Castiglioncello e Rosignano, e vai di mare. Io da sola, che odio guidare per più di dieci minuti. Io da sola, che mi perdo ovunque. Mi viene in mente questa, visto che c'è questa atmosfera dalliana nell'aere (l'avete visto quel puntino nero nella folla, al funerale? Era mio fratello. Io non sono una dalliana ultras, ma mio fratello sì, ed è per questo che sto citando a manetta. Io, volendo restare nel panorama leggero italiano, sono un'irreversibile battistiana):

Girando ancora un poco ho incontrato uno che si era perduto
gli ho detto che nel centro di Bologna non si perde neanche un bambino
mi guarda con la faccia un pò stravolta e mi dice "sono di Berlino". 


(Ecco, io nel centro di Bologna mi perdo alla grande e non sono neanche di Berlino)


E insomma, non mi ricordo più cos'è che volevo dire. Sono partita per la circonvallazione. E mi sono persa, mentre mi contemplavo nello specchietto retrovisore.
Ah, ecco, il senso di tutto ciò è che ho deciso (ahaha) di trovarmi un tipo che ci stia veramente molto dentro, magari di destra (ahahaha), però nel senso lato del termine.
L'istinto mi dice che LUI esiste e mi stupirà. Il problema è che si nasconde bene.



p.s. Normalmente non mi autolinko, però domani è la Festa delle Donne, e ho l'onore che tocca a me scrivere il post mensile della rubrica Ma sono gemelli?, che condivido con Valewanda su Genitori Crescono. Per l'occasione, ho parlato di cosa significa per me essere una donna. Se volete domani fateci un salto (seguirà link qui).

Commenti

  1. La tua dote di problem solving non è da tutti eh. Io vado in paranoia per qualsiasi cosa. Tu no e riesci sempre a cavartela. Forse è perché hai davvero questa dote, o forse è perché sei 'na grande.

    Ecco, ora non riceverò commento in risposta perché ti ho fatto una specie di complimento (credo). Ben mi sta .____.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eh, cosa vuoi che ti dica, sì, sono una grande :). Ma poi chi si loda s'imbroda.

      Elimina
    2. A-ha, ti ho fregata, scrivendo quell'ultima postilla ho racimolato una tua risposta. Sono un grande pure io, vedi.

      A parte gli scherzi, ti stimo sinceramente e ti leggo sempre con piacere.

      Okay, ti concedo di non rispondere a questo.

      Elimina
  2. l'altro giorno ho visto un pezzo di un film. Una donna/ragazza diceva all'altra (+ o - così): "Il mio desiderio è avere un altro bambino, ma con cesareo programmato" e l'altra "ma come... pensavo che tutte le donne volessero avere un parto naturale..." e lei: "Sì, ma solo quelle che non hanno avuto figli..."!!!
    Tu invece hai fatto il contrario... ;-)
    Bella lì...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. nella mia modestissima esperienza un parto naturale fisiologico è molto meno problematico di un parto cesareo.

      Elimina
    2. Meno problematico sia per la madre che per il bambino.

      Elimina
  3. i tipi e le tipe amano giocare a nascondino.

    forse non son mai cresciuti? :)

    RispondiElimina
  4. e tu sei una tosta e a me piacciono le persone così ... se c'è ne fossero di più così, il mondo sarebbe un posto migliore :)

    RispondiElimina
  5. Sul discorso chi la dura la vince mi sono spesso interroggata pure io. Nel senso che forse potrebbe essere un problema ma non mi piace correre dietro alle persone, ma non so se questa cosa realmente porta bene vista la situazione.
    Detto questo.. wow sei di Faenza! Io di Glorie, siamo vicine di casa.. e wow! conosci il Baccara.. è stata la mia discoteca di fiducia per tutte le superiori:)
    a presto cara:*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. uh, anche tu reduce del Baccara? Era la discoteca più divanettosa d'Italia! C'erano i divanetti persino in bagno. Un giorno potrei farci un post. :D

      Elimina
    2. è vero! e se posso dirlo, gran limoni su quei divanetti! ah bei tempi...:p

      Elimina
    3. E le Indie a Pinarella?

      Elimina
  6. "Considero volgare agitarsi per nulla." Ti citerò per sempre.

    RispondiElimina
  7. "cancello i numeri di telefono e me ne sbatto".
    Pure io faccio così, però io sono tuttora innamorata di Jeff Bridges, però in versione barbuta baffuta.

    RispondiElimina
  8. Mi sfuggiva la rubrica. Hai fatto benissimo a linkarla. In bocca al lupo per la svolta (occhio a non svoltare dalla parte sbagliata o troppo, però).
    Ciauz

    RispondiElimina
  9. Ciao ho scoperto adesso il tuo blog! bello! bello! bello!
    soprattutto apprezzo lo slang romagnolo, visto che anche io sono romagnola!
    E concordo su ciò che hai pensato quando hai scoperto di aspettare la terza figlia "col cazzo che mi riportate in sala operatoria!" brava!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. yeeee! Vai mo' che oggi c'è un raduno nei commenti! XD

      Elimina
  10. Ma le tue gemelle sono nate col taglio cesareo?
    E dopo un anno sei riuscita a partorire naturalmente?
    che strano, nessun ginecologo sano di mente farebbe partorire una donna naturalmente, quando ha avuto un cesareo da meno di un anno.
    Di solito devono passare almeno 2 anni.
    Ogni volta che leggo un tuo post sorrido per come stai prendendo per il culo tutti i tuoi fans con balle inventate di sana pianta.
    Svegliatevi, qualsiasi donna saprebbe che dopo un cesareo non si può fare un parto naturale a distanza ravvicinata.
    Men che meno se è passato un anno.
    L'utero che ha subìto una cicatrice da poco, non potrebbe reggere doglie e un parto naturale, a meno che non sia passato del tempo.
    Non è per fare l'eroe è solo buon senso.
    Ciao cara la mia Valentina Santandrea

    RispondiElimina
    Risposte
    1. per essere un ginecologo dotato di buonsenso, mi stupisce che tu non sappia cos'è il VBAC.

      Elimina
    2. No, Anonimo Rossi non sa cos'è il VBAC.
      Io non lo conosco Rohald Dahl però ti capisco: la fase edipica l'ho avuta con De Andrè, non con mio padre.

      Elimina
    3. Anonimo, si può eccome. Dopo il cesareo propongonosempre un altro cesareo anche a distanza di anni solo per motivi economici.
      Io ho partorito naturalmente e lo rifarei altre cento volte allo stesso modo.
      Peccato per il post partum, grazie all'incompetenza di chi mi circondava.
      Valentina, ho adorato ogni parola di questo post.

      Elimina
    4. Dice Wikipedia che per il 90% delle precesarizzate il VBAC è papabile.
      Dire che i ginecologi sensati lo sconsigliano, è come fare chiacchiere al Bar Sport. Che va benissimo, eh, visto il contesto ludico.

      Elimina
    5. ehhh nessuno si vuole prendere le responsabilità! E' per quello che lo sconsigliano, ma basta andare nell'ospedale giusto dove governa la filosofia del naturale (tipo in romagna bufalini di cesena).
      Intanto l'anonimo però legge tutti i tuoi post! wow

      Elimina
  11. Sono molto ansiosa, di conseguenza spesso agitata, mahai ragione, è volgare! ahaah! Però c'è da dire che al momento giusto pendo in mano la situazione, e divento una problem solving anch'io..
    Per il resto, la scena di tua figlia mi ha fatto stramazzare dalle risate!

    RispondiElimina
  12. Se il tipo esiste quando ti stupirà faremo una grande festa, proprio grande.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cosa intendi con SE? Ti dico che esiste! :)

      Elimina
  13. ottimo preludio all'8 marzo nel tuo stile...della serie vogliamo il pane e...anche le rose!

    RispondiElimina
  14. però se sarà di destra... in molto senso lato!
    :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. (è che purtroppo se uno è di destra io prima o poi finisco per litigarci tipo sull'immigrazione, e mi prendo veramente molto sul serio)

      Elimina
  15. Tu sei una forza unica. E ti assicuro che Lui esiste davvero. Ed è più vicino di quanto pensi. Io mio Lui -che ho anche sposato-si è palesato ai miei 31 anni. Quindi basta solo restare sul pezzo. Io la mia fase Dahl , l'ho avuta da piccolina con Riccardo Fogli!!! Pensa come stavo!!!!

    RispondiElimina
  16. beh sì.. anche seconde me le storie dammore comprendono quasisempre una certa dose di ostinazione.
    comunque, come diresti tu, "non è elegante" ostinarsi da soli.
    più che altro quando è il caso di ostinarsi credo che non ti tirerai indietro.

    mmh rileggendo direi che ho scritto roba incomprensibile.
    insomma penso che quando trovi quello giusto proverai tutto il provabile e lo prenderai a tutti i costi, anche per sfinimento.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è che io sono proprio il contrario di una persona ostinata. E' molto più probabile che cedo a un tipo molto ostinato, piuttosto che mi ostino io a tampinare qualcuno che mi piace. Io sono una persona abbastanza passiva, purtroppo.

      Elimina
  17. Cavoli..ti stai crescendo tre figlie da sola direi che sei una che non molla di sicuro!!
    Io penso che Lui esista solo che non è facile accorgersi che sia Lui...mi spiego meglio io mi sono accorta dopo 11 anni che lo conoscevo che lui era l'Uomo della Mia Vita!!(che volpe che sono)

    RispondiElimina
  18. Ciao forza della natura!! Magari un po' magrina, da quel che vedo dalle foto! Sono una tua silente lettrice e ammiratrice e per la festa della donna ho voluto citare te nel mio blog (se ti va di aumentare la tua autostima leggi pure!!), che quanto a ironia non ha nulla a che spartire con il tuo, io sono una tipa pesantuccia....la mia ironia è di tipo inglese, non la capisce nessuno!
    Un saluto a te e alle tue meraviglie
    Chiara, una mamma molto attempata (ma con una gran fortuna, la mia bimba è arrivata subito quando ho trovato il padre)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma guarda che io sono diventata leggera da grande, perché se non ridevo non riuscivo ad andare avanti. La mia migliore amica mi chiama ancora "Pesetas", che sta a significare "Persona pesante".

      Elimina
  19. Scrivi davvero bene, hai un'ironia pungente e una forza di volontà ammirevole. Il problema è che innamorarsi di personaggi di un certo spessore da bambini ti devasta l'esistenza... Io ero innamorata di Tom Sayer :)
    Un saluto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, vabbè, mi piaceva anche Johnny è quasi magia. Quel mollaccione che non si decideva mai. Infatti.

      Elimina
    2. E Peter Pan allora? Quello che non voleva crescere mai? Appunto.

      Elimina

Posta un commento

attenzione: i commenti ai post più vecchi di 14 gg vengono moderati! A causa del troppo spam ho disattivato le notifiche via email per i commenti in attesa...ma prima o poi li modero.