Passa ai contenuti principali

DICIASSETTE ANNI

Negli ultimi diciassette anni sono andata a votare alcune volte, e nel frattempo vivevo.

Diciassette anni fa avevo un anno. Vabbè, non è vero, ne avevo 11 e mezzo.

Da allora, in ordine più o meno cronologico, ho (seguono bullet points):
  •  comprato l'audiocassetta che ho ascoltato di più negli ultimi diciassette anni: Jagged Little Pill di Alanis Morisette
  • limonato per la prima volta con un tale napoletano
  • limonato altre volte
  • fatto all'amore per la prima volta
  • dopo un anno fatto all'amore per la seconda volta
  • perso per strada amiche e amici
  • conosciuti amiche e amici
  • preso ubriacature moleste
  • spaccata un dente, ehm
  • masterizzato uno dei cd che ho ascoltato di più negli ultimi diciassette anni: Nevermind dei Nirvana
  • fumata la prima canna
  • divenuta maggiorenne
  • perso nonno
  • presa patente
  • letto uno tra i libri più amati: Viaggio al termine della notte, L.F. Cèline
  • laureata
  • letto uno tra i libri più amati: Furore, di Steinbeck
  • comprato uno tra i cd che ho ascoltato di più negli ultimi dieci anni: la Platinum Collection di Mina
  • convissuta
  • diventata mamma tre volte nel giro di undici mesi
  • perso nonna
  • investito cane (cioè. Qualcuno ha investito il mio cane.)
  • perso portafoglio, chiavi e cellulare innumerevoli volte
  • rimasta senza benzina innumerevoli volte
  • comprato casa
  • letto uno tra i libri più amati: Il Vangelo secondo Gesù, di Saramago
  • ristrutturato casa
  • perso mia cognata
  • cerimoniato un funerale assurdo sulla mia terrazza, con una decina di presenti, le torce volanti, e infine i carabinieri, alla casa Vianello, e dopo i carabinieri, una torta e l'esclamazione: "Lei si sarebbe divertita da matti, a questo funerale!"
  • tradita
  • "divorziato"
  • pianto
  • pianto
  • trovato in un cassetto il cd più ascoltato negli ultimi due anni: L'Eccezione di Carmen Consoli
  • adottata gatta trovatella
  • cresciuta da sola con le mie bimbe
  • negli ultimi diciassette anni ho mediamente viaggiato, ho dormito in hotel, bungalow, tende, divani, letti, sacchi a pelo e in paio di ostelli sfigatissimi, in un letto a castello con un australiano nel letto sotto, due polacchi nel letto a fianco e per fortuna mio fratello nel letto attiguo. Ho dormito nel letto matrimoniale con una figlia per fianco, una sopra, il Donatore in un angolo e il gatto sui piedi
  • negli ultimi diciassette anni ho lavorato come cameriera, barista, lavapiatti, baby sitter, pr di un paio di locali (sembra impossibile persino a me stessa), gelataia, addetta alle pulizie, e poi finalmente qualcuno ha capito che riuscivo meglio in altri mansioni
  • negli ultimi sei anni, ho partorito con cesareo e parto naturale, ho allattato, ho cambiato pannolini trattenendo il vomito, ho coccolato, ho pianto, sono stata sveglia quasi ogni notte per tre anni, ho cucinato pappine, ho somministrato pappine, ho tolto il ciucci, sono corsa dalla pediatra e al pronto soccorso di notte, mi sono sforzata di fare amicizia con altre madri, ho raccolto un paio di figlie che si sono tuffate in piscina, ho tolto pannoli, fatto inserimenti, pianto il primo giorno di scuola, frequentato terme, palestre, festicciole, parchetti, feste della birra
  • negli ultimi sei anni ho creduto che sarei caduta in un burrone e a volte ci sono caduta, e poi mi sono tirata fuori, da sola. Mi sono trascurata e sono finita due volte al pronto soccorso con focolai nei polmoni. Ho avuto mal di stomaco per anni, poi ho capito che la vita non faceva vomitare e mi è passato tutto, dall'oggi al domani. Annovero persino uno svenimento dovuto alla mia autoincuria
  • negli ultimi diciassette anni ho provato quasi tutto quello che potevo provare: solitudine, abbandono, impotenza, rabbia, amore, amore, amore, infatuazione, gratitudine, felicità, sorpresa, stanchezza, sfiducia nel futuro, paura del futuro, divertimento, emozione. Speranza.
Niente, volevo solo dirvelo.
Perché forse le cose stanno cambiando, per questo paese.

p.s. a me piacerebbe cambiasse anche la volgarità insita nel connotare una persona per i suoi attributi fisici: Figa, Cicciona, Racchia. Nano.

    Commenti

    1. Sicuramente il nano, la racchia e la cicciona hanno la lista piu' lunga di tutti hahaa!!

      Cmq è partito il mio primo CANDY BLOG GIVEAWAY! Se vuoi partecipare si vince una bella christmas box!

      RispondiElimina
    2. guarda che io ci spero eh!

      PS: ma potrò continuare a definirmi racchio dalla forma nanica?

      RispondiElimina
    3. Bel post, pieno di vissuto!
      Non è che so' fissato, ma vorrei far solo notare il secondo bullet point... a proposito dello stereotipo dell'uomo del sud focoso, passionale, lat(r)in lover... :D

      RispondiElimina
    4. Letto uno dei post più belli degli ultimi anni. Questo

      RispondiElimina
    5. Mi accorgo che non ho mai scritto della terza volta in cui ho fatto all'amore. In effetti non c'è ancora stata dopo quella volta a 16 anni XD

      RispondiElimina
    6. Il tuo è un messaggio di speranza, speranza che io da troppo tempo non ho nel paese che amo, ma pensando a quello che ogni persona ha fatto nella sua vita o solo negli ultimi anni.. bhe siamo potenzialmente in grado di farlo sto passo avanti!

      RispondiElimina
    7. Bel post!
      Quoto il P.S.
      Spero anch'io in un cambiamento, anche se ho un po'paura della connotazione fortemente cristiana del nuovo governo: ma i privilegi alla Chiesa li toglieranno mai?

      RispondiElimina
    8. Grazie....splendido post, pieno di vita e di speranza.
      Angela

      RispondiElimina
    9. Hai vissuto.
      Il che non mi pare poco.

      RispondiElimina
    10. sto preparando un'assurda relazione tecnica...e poi domani dovrò fare una serie di misure altrettanto assurde in un posto assurdo con gente assurda...leggerti è come prendere una boccata d'aria e poi fare merenda con pane e nutella. Mi sembra giusto dirtelo! GRAZIE

      RispondiElimina
    11. Mi piace tantissimo il PS. Che è anche quello che dice un personaggio (Clarice Starling) in uno dei miei libri preferiti (vabbè, la preferenza va al Silenzio degli innocenti, Hannibal l'ho letto solo perché era il sequel): l'aspetto è una dote casuale.

      Per il resto... come mi piace come scrivi!

      RispondiElimina
    12. Mi piace questo genere di post.

      Mi piace anche il fatto che tu abbia tolto gli scarrafoni dallo sfondo.

      Poi vorrei far notare che la parte più temporalmente consistente dei tuoi ultimi 17 anni (da 11 anni e mezzo alla laurea) è considerevolmente più breve rispetto a tutto il resto.

      "E perché volevi farlo notare?"
      "Boh."
      "Ah, ho capito."

      RispondiElimina
    13. a me mi hai fatto piangere

      RispondiElimina
    14. quando un elenco sa essere più coinvolgente di un racconto...

      RispondiElimina
    15. WoW! Che splendida tu e la tua vita scombinata! che cazzo di vita a volte, ma... ora mi appunto giusto quei due tre libri che segnali. In caso di emergenza. per quanti calci puoi prendere in faccia, c'è sempre un libro. O una canzone. Giusto per andare avanti, finchè non arriva il momento in cui stanchezza e paura del futuro diventa divertimento, emozione, speranza.

      RispondiElimina
    16. che dire ... hai un bellissimo modo di scrivere... anche con i bullet points

      RispondiElimina
    17. Dimenticavi una cosa che hai fatto negli ultimi due anni: scrivere un sacco di fantastici post.

      RispondiElimina
    18. Come dico sempre..che vita INTERESSANTE!!!!!!
      P.s. Questo post meritava un commento..bello!
      Your sister

      RispondiElimina
    19. @sorella: ma nella mia vita interessante ci sei anche tu! :)

      @paolo: eddai, fantstici mi sembra esagerato. :)

      @mr T. Gli scarafaggi li ho tolti nel 2003... :)

      @yaya: che sono come la nutella non me l'ha mai detto nessuno! Apprezzo!

      @piperita: non sono perfetti, ma meglio che niente.

      @vincent: in effetti l'uomo mi piace maschio :)

      @bert: no. dovrai definirti ingenere blogger.

      RispondiElimina
    20. mi sono messa anch'io a fare la lista delle cose che ho fatto negli ultimi 17 anni. e mi sono guardata un attimo indietro e... e sono contenta :))

      Clara

      RispondiElimina
    21. Un mio amico di bassa statura dice di essere il nano più alto del mondo.
      A volte si tratta solo di punti di vista!

      Buona vita a te e mille di questi 17 anni! ;)

      RispondiElimina
    22. nooo...mi hai fatto venire in mente Nevermind comprato coi soldi raccimolati dai parenti e Jagged Little Pill masterizzato da un mio compagno di liceo :)) e condivido con te un parto naturale e gli ultimi due punti della tua lista.
      B. (di 27 anni)

      RispondiElimina
    23. Sono politicamente scorretta. Secondo me Mr. B. sarà sempre lo psiconano e il suo socio Brunetta l'ottavo nano Merdolo.
      Ma magari tra diciassette anni rideremo di tutto questo.
      Magari.

      RispondiElimina
    24. NANO non è un attributo fiscio, è un attributo morale, perchè certe bassezze meritano l'insulto.

      Per il resto...beh...questo post mi è piaciuto molto...ecco..

      RispondiElimina
    25. mah io non so come cambieranno le cose per questo paese. vista la situazione non c'è molto da festeggiare.
      Però è un momento di catarsi.
      una soddisfazione superficiale ma liberatoria.
      cioè ce lo siam levato dalle palle.

      RispondiElimina
    26. Io 17 anni fa avevo 12 anni ed ero terrorizzata perché la mia compagna di banco aveva le OMESTRAZIONI.

      RispondiElimina
    27. 17 anni fa avevo ... Oddio! ne avevo più o meno quanti ne hai tu ora!
      Che paura... sono davvero così vvv...vvvee... non riesco a dirlo.
      Basta, dopo questa presa di coscienza mi è passata la voglia di scrivere. :-(

      RispondiElimina
    28. @michi: :)))) 17 anni fa in erffetti mi sono venute quelle che mia nonna chiamava le MESTURAZIONI :)

      @zia: ottima interpretazione :)

      @clara: cacchio, non è mica poco guardarsi indietro ed essere contenti.

      RispondiElimina
    29. 17anni fa avevo 9anni non capivo un cazzo della vita ma ero felice, credo. bhè non sarebbe male tornare indietro anche se poi mi sarei perso tanto...

      RispondiElimina
    30. In diciassette anni ho fatto la maggior parte delle cose che hai fatto tu. "negli ultimi sei anni ho creduto che sarei caduta in un burrone e a volte ci sono caduta, e poi mi sono tirata fuori, da sola. Mi sono trascurata e sono finita due volte al pronto soccorso con focolai nei polmoni. Ho avuto mal di stomaco per anni, poi ho capito che la vita non faceva vomitare e mi è passato tutto, dall'oggi al domani. Annovero persino uno svenimento dovuto alla mia autoincuria.."Ecco precisa.

      RispondiElimina
    31. Bellissimo questo post, volevo solo dirtelo!
      Baci
      Manu

      RispondiElimina
    32. Ti rendi conto che Guia Soncini, che è pure discretamente famosa, che è amica personale di pop star, che scrive su famose riviste e che ha un blog divertente, riceve 4 commenti quando è Natale? E tu,a due ore dalla pubblicazione di un post, ne hai 40!

      RispondiElimina
    33. forse ho un po' paura di questa definizione.

      RispondiElimina
    34. @marina: magari guia, che è bravissima, ha migliaia di pop star che la seguono lurkando e io ho quaranta lettori che però si palesano! :))))

      RispondiElimina
    35. Nella tua vita, nella nostra, sono cambiate un sacco di cose negli ultimi 17 anni, purtroppo nella vita politica italiana tutto è rimasto statico. Speriamo, voglio ripetermi anch'io, che in futuro non sia più così...

      Destinazioneestero

      RispondiElimina
    36. Caspita! Questo post mi ha risvegliato una marea di ricordi e soprattutto di considerazioni...forse non l'avrei dovuto leggere! E mo come faccio?

      RispondiElimina
    37. Eh si'...anche io mi sono rivista in molti punti dei tuoi, anche in quelli riguardanti Jagged Little Pill di Alanis Morisette e Nevermind dei Nirvana (pero' io ero gia' piu' grandicella...esattamente 7 anni dopo i tuoi e a quel punto ero un pelino avanti con le "esperienze"!).
      Ogni volta che mi guardo indietro ma mooooolto indietro ci vedo un tale casino, ma ho vissuto, ho imparato proprio da quelle cadute e adesso sono grande E NON SAI QUANTO VORREI TORNARE RAGAZZINA.
      Baciuzzi e buon week-end.

      RispondiElimina
    38. Non avrei saputo vivere meglio di te! un bacio

      RispondiElimina
    39. sei sempre meglio, anche come blogger.
      niente, volevo solo dirtelo.
      elisa

      RispondiElimina
    40. mammamia, che bel post. direi un post perfetto. e anche coraggioso, ma mai melenso, neppure un attimo. senza parole.

      RispondiElimina
    41. Nooo, la pr di locali noooo!

      RispondiElimina
    42. @m di ms: ahò, non c'ho la faccia della tipa sociable? :)

      no, non ce l'ho.

      @amammuzza: invece io non voglio affatto tornare ragazzina. Ora sto bene. Ho una vita piena di cose, persone, significati. Sono consapevole. Faccio quello che mi pare. Sempre.

      @alice: mi sono barcamenata con quello che avevo, e anche tu sei parecchio tosta, e anche tu ti sei barcamenata con quello che avevi. E hai vissuto. E sei pesa marcia con quel poveraccio che ti sopporta :D

      RispondiElimina
    43. tu sei meravigliosamente viva

      RispondiElimina

    Posta un commento

    attenzione: i commenti ai post più vecchi di 14 gg vengono moderati! A causa del troppo spam ho disattivato le notifiche via email per i commenti in attesa...ma prima o poi li modero.