Passa ai contenuti principali
Il primo, tentato, bacio è stato a Capodanno di quando avevo tredicianni, praticamente l'anno scorso. No, forse ne avevo meno, perché gli anni li faccio a marzo.
Cristian* mi piaceva tantissimo. Ecco, sta frase gustatevela perché non mi sentirete dire spesso Lui mi piaceva moltissimo. Per dire, a volte c'è qualcuno che mi piace molto, che mi ci faccio dei viaggi pazzeschi, ma poi mi passa quasi sempre in fretta perché il soggetto non è all'altezza. E quindi dico Lui mi piace molto, ma con il senno di poi, ad anni di distanza, non dico mai Lui mi piaceva moltissimo. Al limite dico Lui mi ribaltava come un calzino, ma era un perfetto coglione.
Ma Cristian no, lui mi piaceva proprio. Con tutto il revisionismo possibile, non sarei comunque onesta se dicessi che lo consideravo, anche allora, un perfetto coglione.
Mi piaceva come tutti quelli che mi hanno trattato male prima che io trattassi male loro.
Era uno stronzo, e aveva solo quattordici anni. Mi cagava solo a volte. I suoi coetanei pensavano ancora ai Transformers, mentre lui faceva lo stronzo in giro con il fratello maggiore, bono anche lui, peraltro. In seguito una mia amica andò con il fratello, e mi disse che ce l'aveva come una lattina di Coca Cola. Non sono mai riuscita a immaginarmelo.
A Capodanno noi si era a una festa all'oratorio e io e Laura* eravamo decisamente imbucate perché il sabato, anziché andare a dottrina, giravamo in bici, e all'oratorio non ci aveva mai viste nessuno.
Insomma, a questa festa non so bene chi ci avesse invitato. E non so bene come a un certo punto fossimo finite su un divano, al buio, con questi due che erano i più carini della festa, ma non è detto che sia un complimento. Me l'aspettavo, dài, che Cristian mi avrebbe baciato. Laura mi aveva spiegato più o meno come si doveva muovere la lingua, ma in realtà l'ho capito solo molto tempo dopo. Oddio, forse non l'ho ancora capito, visto che a me piacciono i baci a stampo (cit.).
E niente, lui mi s'avvicina, e al contempo batte con il pugno sul retro del divano. Cioè. Lui e il suo amico dovevano baciarci in contemporanea, a me e alla Laura. Che anche no. Infatti mi girai. E lui, sentite bene, lui mi disse, proprio così, in dialetto romagnolo: S'et fat (cos'hai fatto).
Tra le numerose caratteristiche che non apprezzo negli uomini c'è il ricorso al dialetto romagnolo quando esiste una parola o locuzione corrispondente in italiano.
E quindi cosa devo dirvi, mi scese la catena, ma per fortuna era mezzanotte, si andò tutti a brindare, e poi io e Laura andammo a casa e chi s'è visto s'è visto.
Poi c'è stato il primo limone vero, se escludiamo i bacini durante i giochi della bottiglia.
Lui era napoletano e giocava a calcio nel villaggio dove vivevo allora. Su Vanity Fair ho letto che anche Borriello ha fatto la primavera lì. Ma io dov'ero, oh!
Comunque no, non era Borriello, ma all'epoca mi sembrava caruccio lo stesso, tanto che lo dissi a Nico**, Nico lo avvisò, e poi lo sapete come succede, che si passeggia amabilmente sul viale della stazione poi tutti i tuoi amici improvvisamente spariscono e tu ti trovi da sola su una panchina con questo che ti caccia la lingua in bocca. Non fu granché, lui era meccanico. Dico nel muovere la lingua, non meccanico di professione, di quelli sporchi di olio.
Andai alla cabina telefonica e dissi alla Dedi che avevo limonato. Nient'altro, non che ci fosse molto da dire. Adesso con le amiche ci si racconta proprio tutto, come lo faceva, come ce l'aveva et cetera.
No, all'epoca dissi solo. Ho limonato. Freddamente.
Lei l'aveva già fatto, durante l'intervallo, con uno di seconda.
E comunque il napoletano non l'ho visto mai più.

*nomi di fantasia.
** nome non di fantasia. Ciao, Nico.

p.s. Stamattina entravo in ufficio e quella della società a fianco limonava con uno davanti all'ingresso, e poi uno si chiede come mi escono questi post sull'ultimo, ehm, sul primo bacio.

Commenti

  1. Non saprei dirti se avercelo come una lattina di Coca Cola sia un bene o un male... comunque, la nostra società va a rotoli perché si limona troppo... ^_^

    RispondiElimina
  2. Ma limonavano veramente? Cioè, lingua in bocca? All'aperto?
    Io non mi faccio vedere in pubblico con la lingua in bocca ad un altro dal 1998.

    RispondiElimina
  3. ma la lattina, slim? hahahahaha

    quoto nespola, neppure io. In stazione però al momento di salutare il mio ragazzo per le vacanze, era sacrificio.

    RispondiElimina
  4. Come si fa ad andare con uno che ce l'ha come una lattina di Coca. Non è scomoda quella linguetta di metallo?

    RispondiElimina
  5. Mi sono strizzata il cervello ma niente, non ricordo quando/come con chi è stato il mio primo bacio.

    P.S. ma lattina di Coca Cola classica o quella da 1/2 lt?

    RispondiElimina
  6. Vi stupirò con effetti speciali!!!!
    Colonia Olivetti, Brusson (Ao) 25 Luglio 1995 h 14.30. Lui si chiama M.P. l'ho visto poi anni dopo in metropolitana a Napoli e il cuore mi batteva forte forte. Ci siamo ribeccati su Fb e il cuore mi batte forte forte. Ovviamente è ingrassato, fidanzato e precario, ma si ricorda molto bene di me. E io di lui. Sabato sera sarei dovuta andare al locale dove lavora, con il mio F., poi s'è fatto tardi e mi sono data all'alcool da un'altra parte. Che meraviglia.....

    RispondiElimina
  7. Mi sa che sta storia della lattina ha colpito un po' tutte distogliendo l'attenzione dalla limonata :-)

    RispondiElimina
  8. Io sono naturista e, anche se non guardo un granché i volatili che incrocio, ho visto davvero uno con una lattina di coca cola. Vecchia edizione.
    Probabilmente quando fa l'amore perde i sensi.

    RispondiElimina
  9. a me piace limonare. e se uno non mi baciava bene, chiudevo lì. perchè per me il bacio è proprio l' anticamera di tutto (filosofia)

    è che sono esigente.
    quelli che quando ti devono baciare spalancano la bocca e la tua bocca sta dentro la loro e ti riempiono di saliva intorno alle labbra? ecco, questi proprio no.
    oppure quelli che ti ficcano la lingua in gola ma di brutto? anche questi proprio no.
    insomma, rompo i coglioni anche quando bacio (strano).

    ciaoooooo paola

    RispondiElimina
  10. Parlando dei giovani d'oggi ieri sul tram c'erano due fidanzatini che parlavano tra di loro ad alta voce di cose del tipo : perchè non te la rasi - io ce l'ho lungo così però dovresti vedere il mio socio che roba e tutti discorsi così...già, ai nostri tempi si era un pochino più discreti!!

    RispondiElimina
  11. Secondo me sono meglio quelli che ce l'hanno come la bottiglia di cocacola. Non so, l'immagino più ergonomico...

    RispondiElimina
  12. @mammabra: cioè. lui spiegava alla sua fidanzata quanto ce l'aveva lungo? cos'è, lo fanno ad occhi chiusi e luce spenta?

    @paola: verissimo! io con uno non ci ho fatto niente anche se mi piaceva perché baciava male.

    @mafalda: cioè, perde i sensi lui o lei? :)

    @eu: :D

    @estrella: invece il soggetto di cui sopra s'è invecchiato e ha messo su famiglia...non è più granché...però suo padre fa il benzinaio vicino al mio ufficio e ho sempre la tentazione di chiedere di lui :)

    @dalle8: fatti coraggio, io non mi ricordo neanche l'ultimo, di bacio (sto scherzando)

    @gae: :D

    @emy: ciò, la lattina slim non è poi così slim...

    @nespy: no, dai si sbaciucchiavano solamente. però per le acide come me vedere gente che si bacia di prima mattina è sempre traumatico.

    @notizie: bentornatoooooo

    @ale: oddio, non mi ispira per niente :)

    RispondiElimina
  13. Polly no, adesso mi fai tornare tutti i complessi da adolescente...cioè davvero tu potevi uscire di sera a tredici anni?????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????
    Io non potevo uscire.Mai.E difatti non mi voleva limonare nessuno.

    RispondiElimina
  14. il mio fu il 10 agosto di xx anni fa... il secondo qualche giorno dopo ma gli avevo chiesto di non mettere più la lingua.

    RispondiElimina
  15. Eh, no, un post così proprio oggi non lo sopporto proprio...
    roberta

    RispondiElimina
  16. Io il mio primo bacio lo diedi (meglio lei lo diede a me) a una francese che mi insegnò anche la tecnica. E ogni tanto la rivedo e ci ridiamo su. E lei non è una stronza. Abbiamo storie diverse alle spalle. Ciao Vale.

    RispondiElimina
  17. Io limono ovunque, anche adesso, con il Santuomo, dopo undici anni, limoniamo in pubblico come adolescenti. Ovviamente, non davanti a persone che conosco, durante una conversazione, non sta bene. Ma di base nulla mi frena. Io le batto tutte. Il mi primo limone fu a 14 anni con un ragazzino carinissimo, che aveva 17 anni. Era Milanese, si è suicidato in comunità. Mio dio.

    RispondiElimina
  18. 'polly,dacci oggi il nostro post quotidiano'...per rimenre in tema oratorio.
    :)

    RispondiElimina
  19. Credo che tu abbia fatto ripensare tutti noi al nostro primo bacio. Del mio ricordo la colonna sonora: "Giovanna d'Arco" di Fiorella Mannoia. Che romaaantico!

    RispondiElimina
  20. hey, hai mai letto qualcosa della Stefania Bertola? In Biscotti e Sospetti c´é una mamma di tre bambine che mi ricorda troppo te

    RispondiElimina
  21. Primo bacio: 14 anni svegliata di notte da questo che aveva qualche anno più di me (tipo 8!)che mi dice ciao e qualche secondo dopo mi ficca la lingua in bocca..0.0 azz stavo ancora sognando, dammi un secondo..beh diciamo che non ho avuto il tempo di rifletterci e limonavo questo (era figo poi..)
    Basta non dico altro. Resto anonima, non si sa mai.
    R

    RispondiElimina
  22. @anonima: ma scusa, il baciatore anonimo era venuto in camera tua arrampicandosi su un albero come nei telefilm americani? :)

    @irenezz: nu, non so chi sia...oddio, però quando mi dicono "mi ricordi qualcuno" in genere o evocano un soggetto contestabilissimo, o fanno dei paragoni che non c'entrano per un cazzo.

    @adriana: mhhmm. Il sottofondo romantico non è un po' scontato?

    @sononera: belli voi!!!!

    @al: ti sbagli sulle esperienze diverse, il secondo bacio che ho dato è stato con un francese di marsiglia durante il gemellaggio con la scuola media. Anch'io ho imparato la tecnica originale ;) (non è vero, lui sapeva di borotalco: rivoltante!)

    @d'aria: :DDD

    @distrattamente: mia mamma mi ha dato il permesso di uscire fino alle 10.30 a 14 anni, però quella volta lì era capodanno ed ero all'oratorio. Sono tornata a mezzanotte e dieci...

    RispondiElimina
  23. no, mi dispiace pee le tue esperienze passate in termini di paragoni...il personaggio che mi ricorda te é ironico, forte giocoso e bello.

    contestabile? Boh, ad un certo punto mette una gonna di tulle ed era fidanzata con uno che studia le formiche

    RispondiElimina
  24. Eh, io ho invertito un po' le tappe. Ho prima fatto tutto il resto e poi ho dato il primo bacio. Questione di mezz'ora certo, ma se penso al perché è successo non mi so dare una risposta. Forse ero un pirla

    RispondiElimina
  25. io me lo ricordo il mio primo bacio, la cosa assurda è che a fare il tifo avevo tutta la mia classe, ero alle medie, attorno! Mah... pazzesco!

    RispondiElimina
  26. @Polly:nuuuu era amico di mio fratello!
    R

    RispondiElimina
  27. 12 anni, in gita con la scuola al circo, durante lo spettacolo dei trapezisti. Io ragazzina modello, lui ripetente e delinquente. Un evergreen di cui vado particolarmente fiera.

    RispondiElimina
  28. Ma la lattina di coca, da 33 o 66?

    RispondiElimina
  29. EHeheh mood da amarcord. Comunque BACIO A STAMPA (tm) è da 10 e lode. E limonare non mi piace granché neanche a me! ahahahah

    RispondiElimina
  30. Almeno a quell'età avevi una vita socialee!!! T_T Io col mio cervello di canarino vivevo nel mondo dei sogni U_U

    RispondiElimina

Posta un commento

attenzione: i commenti ai post più vecchi di 14 gg vengono moderati! A causa del troppo spam ho disattivato le notifiche via email per i commenti in attesa...ma prima o poi li modero.