Passa ai contenuti principali
Lei è una di quelle signore che frequentano regolarmente la balera.
In genere hanno dai 60 ai 75 anni, sono ben tenute, scattanti, ben truccate.
Alcune si definiscono orgogliosamente signorine, che significa single; altre sono vedove, pure piuttosto allegre.
Sono l'evoluzione naturale del matriarcato che vigeva nella Romagna contadina, vanno in vacanza con le amiche e a cena fuori per la festa della donna, meglio se in locali dove ci siano uomini nudi, unti e col culo depilato.
Io la goliardia femminile la adoro, forse perchè, diciamocelo, l'uomo per me è un universo sconosciuto e anche un po' spaventoso. E infatti quando avevo 17 anni con la mia migliore amica andammo in questo locale tristissimo dove c'era questo spogliarellista dal nome esotico: noi facevamo le galle e gli lasciammo un biglietto con i nostri numeri di telefono. Lui mi richiamò e io vi pare che ci sono uscita? Ovviamente no. E poi c'avevo un morosino che più innocuo di così non si poteva. Una volta gli confessai che avevo limonato con un americano bellissimo e lui pianse per giorni. No, vabbè, non gli avevo detto che era bellissimo.
Dicevo.
Mia madre ha trovato questa parrucchiera: dicono sia brava, è estremamente a buon mercato. Ed è scattante, brillante, moderna.
Ora.
Pensavo di prendere appuntamento.
No, in questo momento non ho il coraggio di tagliare i capelli. Mi fanno sentire protetta. Mi fanno sentire "tutta capelli".
Però volevo un po' schiarirli. Per essere più luminosa.
Pensavo a un castano ramato più chiaro.

Se io prununcio la nefasta parola "ramato", secondo voi, la nuova parrucchiera di mia madre, mi spara un arancione flash, che io sembri pronta per lo sbarco alla Ca' del Liscio?

Commenti

  1. I nonni materni di mio marito sono 2 romagnoli sanguigni che fanno il giro di tutte le balere e bevono San Giovese.
    Io li adoro.
    Pure io in quinta superiore con le amiche per la festa della donna andai in una discoteca con lo spogliarellista.
    Lui era nientepopòdimeno che Nicholas,campione italiano di steap tease.
    Peccato che un giorno l'ho rivisto su canale 5 in un servizio sugli spogliarellisti e questo ha confessato di chiamarsi Nicola e venire da Agropoli, provincia di salerno.
    ahah
    Occhio alla parrucchiera...anch'io una volta chiesi "un riflesso ramato" e il riflesso era arancione.
    Ma forse i miei capelli non fanno testo.
    Buon inizio settimana.

    RispondiElimina
  2. ami il rischio, è indubbio.
    però che meraviglia queste gagliarde. Quanto li fa i colpi di sole?

    RispondiElimina
  3. io odio andare dalla parrucchiera..chissà com'è che reinterpretano sempre le richieste a modo loro e quando esci ti viene voglia solo di mettere la testa sotto alla doccia?
    p.s. sono reduce da un taglio obbligato (frangia talmente lunga da essere ribattezzata Capitan Harlock) e poco gradito. Attendo con ansia la ricrescita..
    m.

    RispondiElimina
  4. oooochhhio al colore! Verifica su una cavia consa intende questa parrucchiera per ramato!

    RispondiElimina
  5. Vacci di corsa ma on pronunciare la parola RAMATO.
    Chiedile la tabella dei colori e fai un chairimenti visivo se no ci torni qui col capello blu alla Lucia Bosè ultima maniera.

    RispondiElimina
  6. Secondo me se lo dici torni con una tinta "che da noi si da come antiruggine ai cancelli" [BeppeGrillo cit.], dille castano chiaro e farai faville ;-)

    RispondiElimina
  7. Non fare pazzie, io l'ho fatto, ho avuto l'ardire di chiedere alla parru uno schiarimento appunto ramato, convinta che mi avrebbe infuso positività a nastro. Risultato: mi avrebbero localizzato anche dalla luna.
    La mia teoria è che per fare la parrucchiera il daltonismo sia un requisito fondamentale.

    RispondiElimina
  8. Certe parrucchiere brillanti, vivono un po' in un mondo multicolor. Io non ho problemi a cambiare, taglio, parrucchiere colore. Così qualche anno fa, sperimentando una nuova parrucchiera, chiesi dei riflessi sul rosso e trovarvi con la testa color lampone, ero così rossa che mi si vedeva lontano un chilometro (da quella parrucchiera tornai ancora una volta perchè rimediasse al danno, ma poi non mi ha più visto!)...quindi bene il rinnovamento del look, ma attenzione alle stravaganze!

    RispondiElimina
  9. una parrucchiera che da il ramato alla ceccherini!
    eh eh :)

    RispondiElimina
  10. no, no vale! non ti tingere i capelli!!!
    sei matta?
    proprio tu, così naturale, con quel liscio un po' hippy...no. non puoi tingerti.
    escluso...

    insomma, hai capito come la penso. immagino. :DDD
    paola

    RispondiElimina
  11. Anche da queste parti ci sono i locali per stagionati danzerini.
    La proporzione uomini donne è di 1 a 10, per cui è normale vedere arzille vecchiette che ballano fra di loro, tirando di qua e di là la gambetta.

    Riguardo al parrucchiere di tua madre, ecco, come dire?, meglio prevenire che curare: alla larga!

    RispondiElimina
  12. Se te li fa aranzoni vengo a trovarti solo perchè li fazza anche a me. Che ogni volta che dico che voglio diventare aranzone esco mogano.
    Soccia!
    Al contrario di PaolaFrancy sono favorevole a:
    tagliare
    colorare
    schiarire
    giocare con i capelli e poi pentirsene.

    Una pettinatura non è per sempre (POI FOTO PERO', in privato se vuoi!)

    RispondiElimina
  13. "Se io prununcio la nefasta parola "ramato", secondo voi, la nuova parrucchiera di mia madre, mi spara un arancione flash, che io sembri pronta per lo sbarco alla Ca' del Liscio?"

    Secondo me dalla descrizione SI'!!!! Stai attenta!!!! ;)

    RispondiElimina
  14. Ma solo colore o anche l'effetto maxi-cotonato?

    RispondiElimina
  15. Potrebbe succedere di peggio. Potresti trovarti con i capelli color "rosso vomitura di ciucco"

    RispondiElimina
  16. Sei stata crudele col morosino innocuo, che chissàpoi perché lo frequentavi se avevi voglia (ma anche un po' paura) di essere azzannata.

    RispondiElimina
  17. ramato non si dice! piuttosto sfoglia tutte le riviste fino a trovare una tonalità molto più chiara di quelle che vorresti, di solito è quella giusta!

    RispondiElimina
  18. osa, osa invece!
    io che ho sempre odiato le parru-fattucchiere ora ci vado a cadenza mensile.
    almeno la chioma si può cambiare in base all'umore e quindi parto da lì..
    volpe

    RispondiElimina
  19. @alberto: azzannata? :) che poi la cosa dell'americano la sto svelando qui in anteprima, a lui avevo detto solo del pancabbestia, ergo, prima o poi farò una censura retroattiva dei miei post. :)))

    @tutte: un minuto fa ho preso il caffè al bar e la barista aveva proprio il colore che vorrei io, potrei portarmela dietro dalla parrucchiera!!!

    @julez: noto come una sottile presa per il culo al mio accento! :) ma è raro che mi senti dire soccia! stanotte ho sognato che vi venivo a trovare, e che prendevo immediatamente una multa per transito in ztl.

    @dalle8: ti sei mai fatta un giro in un parcheggio di una balera? hai mai contato le auto con i vetri appannati? :)

    @paola: davvero sono hippy? invece mi sentivo grunge, perchè i capelli mi si accordellano :)))
    dai va bene, ti giro una mia foto del liceo, quando avevo i capelli arancioni.

    @ernest: arghhh

    @stima: i colpi di sole non so, ma dice che te li taglia per 25 euro...è un brutto segno?

    @lavi: ah ah! presentameli!!!

    RispondiElimina
  20. siccome sono totalmente d'accordo con JuleZ per quanto riguarda i pentimenti post parrucchiera scattante, brillante e moderna, per favore, le chiedi proprio un arancione flash? Sono curioso di sapere che colore riesce a inventare.

    PS: posso vantarmi in giro del fatto che quella dello spogliarellista la sapevo?

    RispondiElimina
  21. No...ramato no!! Mi oppongo

    RispondiElimina
  22. A me le signorine romagnole scattanti, brillanti, moderne, cone quelle pettinature improponibili hanno sempre fatto morire... quelle che scorgo ogni tanto in tv sui canali tematici/regionali stile balera... :D

    Dài, se al limite ti esce fuori un arancione flash, potrai fare anche la frizzante esperienza del "vai col lisssioooo"... ;)

    P.S. Anche io, nel caso, voglio vedere la foto, nèè... Anche in privato... :D

    RispondiElimina
  23. più che un ramato, io opterei per dei riflessi dorati, danno luce, calore e voglia di vivere...sto esagerando??? forse si!

    RispondiElimina
  24. e vabbè se ti ritrovi in una di quelle balere....che paura hai...di divertirti?? che bello sto post...volevo dirti a proposito del titolo del tuo blog...io avevo 24 anni e già tre figli...poi è arrivata la quarta.

    RispondiElimina
  25. Ehilà grazie per essere passata dal mio blog e per il saggio consiglio. A sto punto ricambio,
    se hai dei bei capelli non tagliarli.
    Non pasticciarli.
    BACI GRAZIE Lo vuoi leggere il manoscritto incriminato??

    RispondiElimina
  26. io starei attenta con il ramato,... invecchia!

    RispondiElimina
  27. ecco... non so come dirtelo... ma si', dalla descrizione sembra la Bice del paese dei miei e quindi ti fara' sicuramente arancione...

    RispondiElimina
  28. Io invece segretamente voglio farmi bionda da anni e sono terrorizzata...quindi per ora rimango come sono!

    RispondiElimina
  29. Dire ramato ad una parrucchiera significa vivere pericolosamente, te lo dico!
    vistodalei.splinder.com

    RispondiElimina
  30. Col tuo colore di base meglio un hennè: schiarirli e ramarli secondo me finisci a fare l'effetto della strega Nocciola, quella che vuole fare le fatture a Pippo ma non può perchè lui non crede nella magia. Secondo me più che farti fare i capelli, dovresti uscirci.

    RispondiElimina
  31. Ho pianto per il morosino

    RispondiElimina
  32. @ragno: se vuoi te lo presento e lo consoli...

    @laura: bwahwahwah, mi ci vedi alla ca' del liscio?

    @ilaria: non so quanto possa essere utile il mio parere, però se hai mooolto tempo lo leggo volentieri :)

    @nickconoca64: io in realtà a 23 anni le avevo già sfornate tutte...per la quarta manca un inseminatore, ma se guadagnassi di più la farei anche io! purchè sia femmina ;)

    @vince: sappi che ce ne sono di altrettanto folkloristiche scendendo più a sud...mi viene in mente, parlando di televendite, tale nicoletta paciaroni, accento mi pare romano. non ricordo cosa vendesse ma ricordo le parole "duro come la coda di un canguro". ehm.

    RispondiElimina
  33. Ehehe... la tizia in questione non la conosco, ma ho capito il "soggetto", ed anche qui da queste parti ogni tanto se ne vedono in tv (solo meno in tiro). Quelle romagnole, però, sarà anche perché mi piace l'accento, le trovo... "ipnotiche"... :D

    RispondiElimina
  34. l'importante è non chiedere MAI il viola melanzana...

    RispondiElimina
  35. Grazie Polly, ma...ho un altro editore!!! EVVVVAIIIIIIIIIIIIIIIII baci

    RispondiElimina

Posta un commento

attenzione: i commenti ai post più vecchi di 14 gg vengono moderati! A causa del troppo spam ho disattivato le notifiche via email per i commenti in attesa...ma prima o poi li modero.