Passa ai contenuti principali

CASOMAI

Negli ultimi tempi mi sento, mentalmente, molto single. Occhio non vede, cuore non duole: si dice così, no?

Come ben sapete, essere single con tre figlie significa anche rimanere single.
Sarà che ho un bizzarro senso estetico e non ammetto, in casa, soprammobili altrui; sarà che posso finalmente acquistare calzini neri senza la paturnia che poi li smarrisco tra migliaia di calzini neri di un improbabile compagno; sarà che io e le bambine ci bastiamo, anche se loro mi dicono di volere per me un principe; sarà che ho sempre apprezzato molto dormire sola nel letto matrimoniale, e tollero a mala pena la micina; ecco, per questi ed altri motivi sto cominciando seriamente ad apprezzare questa mia condizione.
Però, qualche sera, affiora una domanda tra la veglia e il sonno: "E se...?"

C'è un'amica che mi fa notare che due cuori e una capanna è una cosa carina, ma che, giunta a questa veneranda età (eh eh, scherzo sul veneranda! come pure lei, credo), dovrei dare spazio anche alla praticità, e cercarmi uno al Lions o al Rotary: mica che debba mantenere le bambine, no. Però magari, dice lei, ci scapperebbe qualche bel regalo. Ma siccome non vado pazza per le firme, e se vogliamo neanche per i regali che non siano scarpe All Star (numero 36 e 1/2, casomai foste interessati) e libri (classici della letteratura che non ho ancora letto, casomai foste interessati), che me ne faccio di uno ricco? "Caro, per il compleanno potresti regalarmi il timbro "pagato" sulla bolletta del gas". Un po' squallido, no? Inoltre, retaggio della mia condizione di proletaria, non riesco ad apprezzare qualcuno semplicemente perchè è ricco.

Poi gli uomini sono da interpretare. Un'altra amica mi ha spiegato che per loro due più due non è detto che faccia quattro. In effetti l'abbordaggio non è la cosa più semplice del mondo, soprattutto per me che sono una timida. Io do per scontato che, siccome non mi piace quasi nessuno, se ti sorrido vuol dire che possiamo andare direttamente a letto senza passare dal via. Però tu devi far finta che non ci tieni particolarmente, ad andare a letto, sennò mi sembri un arrapato. Alice mi ha detto che non devo tenere le braccia incrociate, perchè sono segno di chiusura. E che devo essere cordiale, sfacciata, anche a costo di bruciarmi. Ma non mi riesce. Sono una che se non ha niente da dire tace. E, chissà perchè, nessuno capisce i miei silenzi. E neanche i miei sorrisi.

Infine, non ho voglia di andarmene in giro con uno, nella mia piccola città. Intanto perchè tutti, ma proprio tutti, conoscono il Donatore. Uscire con uno sarebbe come dire al mondo "Ehi, mi sono sbagliata sul mio grande amore, ho sbagliato tutto, ora esco con questo qua, giudicate voi se è meglio o peggio del precedente, e giudicate voi se sono una pessima madre, però tenete presente il fatto che probabilmente non sarà l'ultimo". Sta cosa mi mette a disagio.

Pensavo che, casomai qualcuno un giorno riuscisse ad interpretarmi, e io ad interpretare lui, e, mettiamo, si andasse a bere un caffè, una roba non impegnativa, un rodaggio, per vedere che lui non sia proprio uno sfigato del tutto (non è vero, sono al punto che dove colgo colgo), ecco, gli proporrei "quella pasticceria stupenda, dai, non la conosci? E' a 50 km da qui, ma ti assicuro che fanno una torta sacher da urlo".

Dite che se la prenderebbe?

Commenti

  1. Polly ne sarebbe onorato! ma Dio bono, ma 36 e mezzo non è un pò troppo da cenerentola? io ho 41 di piede non mi capacito che esistano donne con 36 come misura di piede...ommioddio.

    Dunque essendo tu una cenerentola dei nostri giorni vuoi che non trovi quello giusto ma proprio giusto per te? e su, non mi far parlare, che io lo che sta arrivando..eccome

    RispondiElimina
  2. Le tue bambine sono davvero dolcissime a pensare alla felicità della loro mamma.
    Io capisco che stai bene come stai, che vi bastate a vicenda, ma loro cresceranno e avranno la loro vita e allora...non chiuderti tutte le porte, magari un caffè, niente di impegnativo, una sacher in quella pasticceria a 50 km...

    RispondiElimina
  3. Ma Polly, ma come!
    Nononononono! Non posso tollerare che ti faccia queste paturnie per la GENTE! che dirà la gente? che penserà? Dirà che sono una puttanella? na pessima madre? Una mangiauomini?
    Ma un chissenefrega? Non è meglio?
    Io sono nata e cresciuta e vivo tuttora in un piccolo paesino di 581 abitanti (ah, che precisione!) e posso assicurarti che in ogni caso il paese avrà qualcosa da dire su di te. Per dire, se non ti vedono per un po' con un uomo potrebbero iniziare a dire che sei lesbica.
    Detto ciò, le tue figlie sono mitiche, davevro emravigliose. devi esserne orgogliosa (ma pensare anche alla tua felicità, ovunque essa sia).

    RispondiElimina
  4. Io dico che dovresti strafregartene del tuo piccolo centro!
    Dagli pure qualcosa di cui parlare. Chissenfrega!
    Ma divertiti ed esci, vivi, liberamente. Devi rendere conto solo a te stessa e alle tue figlie!
    A NESSUN ALTRO!

    RispondiElimina
  5. Concordo sul non essere troppo cordiale, troppo sfacciata, aggiungo che mai mi metterei a ululare davanti a a un tizio urlando fammituaaaaaaaa! anche se il suddetto tizio mi causa tempeste ormonali e devo tenermi le mani in tasca per non mettergliele addosso.
    Non concordo sul fatto di tenere in conto quel che direbbero gli abitanti del paesello.
    Dicessero quel che gli pare, mica vado a mangiare a casa loro.

    RispondiElimina
  6. Per me ti stai facendo troppe paturnie...(attenzione ho detto paturnie,non seghe mentali;dopotutto sono un gentiluomo)
    Da uomo ti posso dire che una donna diretta e sincera sarebbe un gran bel cambiamento:potrei tranquillamente mettere da parte la laurea in transaminasi egittologica aulica,presa nel vano tentativo di decifrarVi (il Vi sta per voi Donne) una gran bella cosa.
    Poi vedi tu..

    RispondiElimina
  7. Nooooooooooooo avevo scritto un commento lunghissimo e s'è cancellato! Merda! (Si può dire merda??)

    Allora dicevo che devi un pò fregartene della gente. Quando hai bisogno di qualcosa loro vengono tipo a metterti il timbro pagato sulla bolletta del gas o a dirti "Ti faccio compagnia"? Anche no!
    Quindi lasciali parlare. Amore o non amore tutti possiamo sbagliare...è lecito nonchè umano!
    Pensa alla tua felicità che si vive solo una volta!
    Un abbraccio tesoro!!!!

    RispondiElimina
  8. Quando siamo passati da quel della Romagna ho giusto pensato a quanto impazzirai quando le bimbe belle diventeranno grandi e si faranno tutti e 10 i ragazzetti del paese, a turno (per faranno intendo un faranno preadolescenziale con limono duro sulle panchine, eh!)
    Beh voglio dire, se lo faranno loro perchè non tu!
    E poi un uomo che rinuncia ad un viaggio matto per mangiare una fetta di torta particolare... beh, non è l'uomo giusto per te!
    Io il mio l'ho conquistato con un MilanoPadovaandataritornoinserata per mangiare un gelato e vedere uno spettacolo!

    PS: al massimo a mangiare la Sacher ci vengo io! Ma non dirlo a tutti, che in teoria sono ancora a dieta. UpS!

    RispondiElimina
  9. @sononera: sì, ho il piedino. 36, per la precisione, solo che le all star sono strette. c'è da dire che se hai il 41 non ti consiglio quel tipo di scarpa! :) le mie 36 e 1/2 sembrano due canoe!

    @dalle8alle5/mammamoglietc/phoebe: posso dirlo? se uscissi con uno sfigato il donatore mi deriderebbe a vita.

    @serena: in effetti è comodo prendere un caffè a 50km! :))

    @corie (ma si legge alla francese? oppure tipo scorie?): no, non c'è in vista nessuno :(

    RispondiElimina
  10. @jule: nuuu, ti prego, già ce n'è uno che ha fatto vedere il piselllo a camilla, che l'ha schifato, e io sono in para!!!

    @bis: ennò, merda non si può dire :))))

    @alessandro: non sono d'accordo sul fatto che le donne sincere siano rare, io lo sono per esempio. diretta, bè, in effetti no, posso darti ragione!

    RispondiElimina
  11. Io direi che potresti semplicemente sbattertene, e se ti piace uno, uscirci con calma. Se ti piace sul serio, farci quello che ti pare, altrimenti arrivederci e grazie. Keep it simple.

    RispondiElimina
  12. Beh in realtà volevo dire quello che in parte ti ha detto Wonder/Chiara, se ti piace qualcuno prova ad uscirci, poi si vedrà...il caffè a 50 km non è comodo certo, ma quantomeno durante il viaggio si può parlare e poi magari la sacher merita il viaggio :-)!
    Poi vedi tu...

    RispondiElimina
  13. Più il tempo passa e i tuoi racconti mi affascinano! tu diventi sempre più simpatica,
    un abbraccio,
    Tomaso

    RispondiElimina
  14. Polly del mio cuore, prima di programmare gite fuoriporta per un caffè e di pensare a comegiustificarti davanti all'intero paese (che poi figurati se è quello per te il problema) lo vogliamo trovare seriamente sul serio un uomo che potrebbe potenzialmente decifrarti?
    Risposta: no, e io e te sappiamo il perchè.
    Quindi lobotomia, l'unica via.


    ps: hai scritto troppe volte la parola che inizia con d :P

    RispondiElimina
  15. Se non se la prende vuol dire che è quello giusto, almeno per questo tuo momento. Sarà dura trovarlo.

    Un giorno dovremmo fare un post collettivo, ma non solo tu ed io, anche tanti altri, sui calzini neri.

    "sarà che ho sempre apprezzato molto dormire sola nel letto matrimoniale".
    Non ci credo. Ciao.

    RispondiElimina
  16. quanto mi fanno incavolare quelle persone che non capiscono quello che non dici... eppure te l'ho "nondetto", come fai a non capire?

    Sei sicura che 50 km bastino?
    E se l'eventuale tizio non accettasse l'invito perché non gli piace la sacher?

    RispondiElimina
  17. Quella dei calzini neri è in assoluto la cosa più fastidiosa, posso confermare. Come ti confermo che al Lions e al Rotary ci si fa due palle così. In quel caso, è veramente meglio stare da sole.
    Ma non c'è tipo un dopolavoro ferroviario? Un circolo dei lettori? Un'associazione culturale? Un club di cucina? Quelle cose lì insomma: la risposta proletaria alla massoneria.

    RispondiElimina
  18. Polly, su una cosa ti hanno consigliato male. Per gli uomini 2+2 fa sempre 4. Sono molto più semplici e lineari di noi. C'è gran poco da interpretare, credimi.
    Ah, per inciso, il 36 e mezzo è proprio il mio numero!!! Gran culo, eh? A volte mi compro le scarpe negli stessi negozi dei Bubini ;)

    RispondiElimina
  19. leggo dopo il post, prometto. sono passata per lasciarti un premio (purtroppo non in soldi)

    RispondiElimina
  20. Ma davvero che ti frega della gente?!? :)

    Io (e te lo dice un "uomo del sud" :P), non mi preoccuperei delle malalingue e, se fossi in lui, ti porterei con orgoglio sottobraccio in piazza tipo film siculo alla Tornatore... ahahah... :P

    RispondiElimina
  21. a me sto post ha fatto piangere...un po'. ma perché?

    RispondiElimina
  22. Sei bravissima a scrivere, il tuo blog è unico!!!
    Complimenti.

    Francesca

    RispondiElimina
  23. cara Polly, io credo sia tempo di prendersi qualche soddisfazione!
    ciao ciao

    RispondiElimina
  24. @arianna: me la/o prenderei se qualcuno me la/o desse. :))

    @francesca: unico, dai, non è proprio vero vero! comunque grazie e benvenuta!

    @aspi: per me sono gli ormoni allattatori impazziti...

    @vince: sei la prima persona che mi dice "ti porterei in giro con orgoglio" e mi viene anche un po' da piangere (oh! non è che sono un cesso totale, però sta cosa qui carina non me l'aveva detta nessuno, dal vivo.)

    @lau: 'azz, pensavo fossero 100 euro. :)

    @giulia: si, probabilmente siamo noi che 2+2=5

    @benedetta: e se mi becco un proletario massone? brrrrivido...

    @bert: penso sempre di più che siamo fratelli, io e te! :)

    @al: guarda che mi piace davvero dormire da sola, poi in genere voi uomini siete troppo massicci, non vi si riesce a spostare se vi allargate. davvero: se mi portassi a casa qualcuno spererei che se ne andasse prima del mio risveglio.

    @bianca: sai che, oltre a donatore, ho scritto un sacco di volte "devo"? è sintomatico, non credi?

    @tomaso: ah ah, è che non sono molto simpatica dal vivo! :))

    @serena: ma io scherzavo sulla sacher, era una scusa per portarlo dove nessuno mi conosce...

    @wonder: in effetti prima dovrei trovare qualcuno, poi eventualmente partire con le paranoie. avevo scordato questo passaggio. la realtà è che sono tristemente sola.

    RispondiElimina
  25. :D ... E che ci vuoi fare?! Noi napoletani siamo molto passionali... eheh... ;)

    RispondiElimina
  26. Eh tesoro 100 euro farebbero comodo anche a me, che ormai si parla di maternità forzata causa mancaza di lavoro ( non interessa a nessuno un veterinario?)

    ho letto il tuo post ed ho da dirti 2 cose.

    1 - portiamo lo stesso numero di scarpe
    2 - un sostituto del donatore ma anche no, ma ad un trombamico, che lo si vede al bisogno e poi torna per la sua strada, un pensierino ce lo farei.

    p.s. so che hai una raccomandata in giacenza in posta...

    RispondiElimina
  27. Oddio, no, non ti vedrei mai con uno che frequenta Rotary/Lyons. I 50 km mi sembrano un'ottima idea, la giusta distanza dai rumori di sottofondo. Facile dire "fregatene della gente" ma a quello ci si pensa quando ne vale veramente la pena.

    RispondiElimina
  28. Che ne sai, magari ti va anche meglio! Magari ti guarda un attimo perplesso e dopo un po' ti risponde: "no è che c'è quel bar stile Starbucks che mi piace davvero tanto sai? Col caffè americano nel bicchiere di carta, i muffin e tutto, pensavo di andare li.. Solo che quello è a 80Km da qui. Dispiace?" A quel punto.. :)
    Complimenti per il blog, ogni volta fai spanciare dalle risate.. (oddio non so se sia una cosa carina da dire ma era un complimento..)

    RispondiElimina
  29. ciao :-) ho letto due commenti che sottolineano che ci sono cose che non dici, non ti conosco quindi cascherò sicuramente nella trappola, ma...
    sono cresciuta con l'ombra del Giudizio del mondo, è una cosa che mi ha soffocato la giovinezza. poi un po' per volta mi sono resa conto che l'opinione del mondo può essere anche una sorpresa piacevole. il mondo potrebbe dire "ma guarda un po' Polly, ha finalmente dato un calcio negli stinchi al Donatore, che non la meritava!, sono contento per lei"

    RispondiElimina
  30. @close: la maggior parte della gente che conosco pensa che dovrei dimenticarlo, ma...leggi la risposta a mamma cattiva

    @mammacattiva: centrato il punto! se ne vale la pena, del mondo me ne frego. però "garantire" per qualcuno che non conosco, ecco, non me la sento ancora. vivessi a milano, o anche solo a bologna, potrei farlo.

    @dux: ecco, proponesse uno starbucks a 80 km sarebbe perfetto. ma lo fanno, vero, l'espresso? no, perchè il caffettone americano anche no.

    @lau: me ne sono accorta cinque minuti fa, di avere una raccomandata in giacenza...avevo il terrore fosse qualcosa da pagare! grazie :))), lunedì dovrei riuscire ad andare.

    RispondiElimina
  31. spero non si offenda nessuno, ma questo è il più bel post che ho letto del 2011.

    battuta da 4 soldi : adesso mi toccherà chiedere a ogni ragazza che mi sorride se ha un blog e si chiama POLLY... vedi mai... :-)

    RispondiElimina
  32. aitor: esagerato! :)))
    senti, ma se tu tenti il "salto addosso" a chi ti sorride sperando che la pensi come me (sorriso=ci sto), non darmi la colpa se ti prendono a borsettate. :)
    per dire, ho amiche che fanno le simpatiche con chiunque incontrino, ma mica si tromberebbero tutti, anzi! io attacco (mezzo) bottone solo con chi mi piace (un uomo su mille), ma non sono la norma, ahitè!

    RispondiElimina
  33. Io dico di sì, che forse devi invitarlo a quel caffè :)

    RispondiElimina
  34. ma polly, che significa uscire con uno sfigato? Perché mai dovresti scegliere uno sfigato!? Gli sfigati lasciali alle sfigate!

    RispondiElimina
  35. ma le tue bambine non si chiedono perchè tu e il papà non vivete insieme? e non vi chiedono di tornare insieme? la mia di 5 anni sì.. :°(

    giulia

    RispondiElimina

Posta un commento

attenzione: i commenti ai post più vecchi di 14 gg vengono moderati! A causa del troppo spam ho disattivato le notifiche via email per i commenti in attesa...ma prima o poi li modero.